domenica, Giugno 13, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaOperatori sanitari e virus futuri: qual è il nesso?

Operatori sanitari e virus futuri: qual è il nesso?

Gli operatori sanitari non si occupano solo di curare i pazienti già malati, ma potrebbero anche indirettamente aiutare a prevenire la diffusione di nuove malattie: è quanto emerge da uno studio pubblicato su PLOS ONE, che ha analizzato i dati relativi ai contagi di covid nei sanitari irlandesi durante la prima ondata della pandemia, confrontandoli poi con l’andamento della curva epidemica nella popolazione generale. La diffusione del virus tra i sanitari, tra i primi a venire contagiati (con quasi un terzo degli infetti totali confermati, nonostante in Irlanda appena tre persone su cento lavorino nel settore sanitario), rifletterebbe in anticipo l’andamento dei successivi contagi nel resto della popolazione.

Giocare d’anticipo. Questa corrispondenza, rilevata con l’impiego di modelli computazionali, potrebbe rivelarsi in futuro un valido aiuto per i governi alle prese con la lotta a nuove epidemie: «È importante adottare il prima possibile le contromisure necessarie a fermare la diffusione di un nuovo patogeno», afferma Donal O’Shea, capo dello studio, che sottolinea come analizzando i dati delle infezioni tra i sanitari sarebbe possibile non solo comprendere il ruolo degli asintomatici nella trasmissione di una malattia, ma anche capire quali siano le migliori misure da adottare, giocando d’anticipo e guadagnando tempo prezioso.

Su larga scala. È ormai troppo tardi per bloccare l’avanzata del virus della covid guardando a un gruppo ristretto di persone: chi lavora per migliorare la nostra salute mentale e fisica è ormai vaccinato, e i dati risulterebbero dunque falsati.

Ma questa lezione ci deve servire per il futuro: quella che stiamo vivendo non è stata la prima e non sarà certo l’ultima pandemia che ci troveremo ad affrontare, ed è meglio arrivare preparati alla prossima (o almeno più preparati di come siamo arrivati a questa). «Testare tutti gli operatori sanitari è molto più semplice che sottoporre a tampone tutti i cittadini di uno Stato», sottolinea Dan Wu, uno degli autori, che ribadisce l’importanza di muoversi per tempo per bloccare sul nascere la diffusione di nuovi virus altamente infettivi.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews