venerdì, Giugno 18, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareInvendute 220 milioni di bottiglie di vino, è scontro su come usare...

Invendute 220 milioni di bottiglie di vino, è scontro su come usare gli aiuti

Aiuti alla produzione o stimoli al mercato? Distillazione oppure sostegni al credito e promozione all’estero? È scontro nella filiera vino sugli aiuti anticrisi. Nei giorni scorsi al tavolo di filiera vitivinicolo al ministero per le Politiche agricole, presieduto dal sottosegretario Gian Marco Centinaio è stata esaminata la situazione del settore che nel corso del 2020 ha visto l ’export calare (-2,3%) dopo quindici anni di crescita ininterrotta.

Ma soprattutto la pandemia ha lasciato il segno sul mercato interno che ha visto rafforzarsi le vendite nella grande distribuzione e online d’altro canto ha pagato la prolungata serrata di bar e ristoranti con una voragine che l’Unione italiana vini stima in minori vendite per oltre 1,5 miliardi di euro e registra circa 500 milioni di crediti incagliati.
Secondo una stima della Coldiretti sarebbero rimaste invendute a causa dello stop a bar e ristoranti circa 220 milioni di bottiglie. Il tutto in un quadro di giacenze rilevanti e di pressione, al ribasso, sui prezzi.

Loading…

Per affrontare questo scenario si sono però delineate due strategie, sostenute da fronti contrapposti all’interno della filiera. Da un lato il mondo agricolo e quello della Cooperazione che chiedono a gran voce le misure della distillazione e dello stoccaggio privato per ridurre l’offerta e sostenere i prezzi. Nelle richieste la principale differenza rispetto allo scorso anno (quando la distillazione fu effettuata con risultati deludenti) è di dedicarla stavolta ai vini Dop e Igp. «Misure da finanziare», ha spiegato il coordinatore del settore vino dell’Alleanza delle cooperative, Luca Rigotti.

Di diverso avviso invece i rappresentanti delle imprese e dell’industria vinicola Federvini, Unione italiana vini e Federdoc. «Siamo d’accordo che se c’è dell’invenduto il produttore vada ristorato – ha spiegato il presidente di Federvini, Sandro Boscaini – ma non bisogna perdere di vista che si produce per vendere e non per distruggere il frutto del proprio lavoro. Inoltre riteniamo vada salvaguardata l’intera filiera e non solo l’anello della produzione agricola».

«In questo momento – ha commentato il presidente dell’Unione italiana vini, Ernesto Abbona – servono strumenti per mettere in sicurezza finanziaria migliaia di aziende del vino alle prese con mancate vendite e crediti incagliati». Tra le misure proposte il rafforzamento del contributo a fondo perduto, l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali, la sospensione dei pagamenti delle imposte e del versamento Iva sui crediti commerciali incagliati.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews