giovedì, Giugno 24, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareEataly riparte da Londra: apre il più grande locale d’Europa, ma è...

Eataly riparte da Londra: apre il più grande locale d’Europa, ma è sfida ardua

L’Italia si prende un altro spicchio di Londra. Il 29 aprile, nella capitale britannica aprirà i battenti Eataly, l’ambasciatore del cibo italiano nel mondo con il suo “mercato rionale di lusso”. Lo sbarco in Inghilterra era atteso da almeno due anni: Londra era la grande assente nel mappamondo dell’impero alimentare della famiglia Farinetti. Ora la lacuna viene colmata con un locale dalle dimensioni ambiziose, accanto alla stazione di Liverpool Street, nella City di Londra. Così come la sfida che attende, in una metropoli dove la concorrenza abbonda e tutti si interrogano sul suo futuro, con il turismo scomparso e i londinesi che lavorano da casa.

Un Eataly da Guinness

I numeri del nuovo Eataly London sono notevoli: oltre 4mila metri quadrati distribuiti su due piani che ospiteranno 5mila prodotti, tantissimi italiani, con un’enoteca record da 2mila vini, la più grande casa di vini italiani a Londra. Completeranno la parte “supermercato”, che ha una zona di cibo da asporto e un’area ecologica di alimenti a zero rifiuti, pure tre ristoranti, capitanati dal “fine dining” di Terra, ristorazione di fascia alta che aprirà in estate. Non mancherà nemmeno la scuola di cucina (apertura prevista dal 20 maggio) che ha fatto la fortuna di Eataly a New York. Il tempismo dell’inaugurazione è da orologio svizzero: il numero uno Nicola Farinetti inaugura Eataly a Londra mentre Londra sta riaprendo dopo la pandemia e il Regno Unito si gode il successo di primo paese in Europa nei vaccini. Restrizioni ce ne sono ancora: i ristoranti possono solo ospitare all’aperto e per ora Eataly farà sedere i clienti in una terrazza (tempo permettendo), in attesa di accogliere i clienti anche all’interno da metà maggio.

Loading…

Lo sbarco di Eataly è un atto di fiducia verso la città e uno schiaffo in faccia alla Brexit, che certa propaganda descrive come un’apocalisse per il paese. Nonostante l’uscita dalla Ue, e i catastrofismi, le prelibatezze italiane nel Regno Unito non sono mai mancate. Il vero tema della Brexit, non è la disponibilità di prodotti, ma semmai il loro prezzo: da inizio anno tutte le derrate alimentari importate sono rincarate e per Eataly, che già in Italia non è a buon mercato, a Londra ci sarà l’incognita prezzi, necessariamente più cari a parità di prodotto. Ma gli “Alti Cibi” di Farinetti offriranno anche prodotti locali per aggirare il problema Import: tutti i formaggi freschi, per esempio, saranno italiani come ricetta, ma realizzati con latte inglese fornito da piccole fattorie.

Se riuscirà a replicare i numeri americani di Eataly Flatiron, il locale aperto a Madison Square Park nel cuore di Manhattan, che con i suoi 80 milioni di dollari di fatturato annuo è il “capocannoniere” del gruppo, Londra sarà un successo per la formula Eataly che dai tempi della promessa, mai mantenuta, della quotazione ha perso un po’ di smalto. E poi è arrivato il Covid: nel 2020, causa pandemia, i ricavi pare abbiano perso un 30% rispetto ai 530 milioni del 2019 che già aveva chiuso in perdita per quasi 4 milioni. Londra è dunque la grande occasione di rilancio per la boutique del cibo , ma ci sono vari ostacoli sulla strada.

La scommessa sulla City

Eataly aprirà a Broadgate, dentro al maestoso edificio che spesso ospita eventi di Borsa Italiana, dopo aver assunto 300 persone. Nel mondo di prima, era una delle zone più trafficate di Londra, tra turisti e pendolari. La confinante stazione ferroviaria di Liverpool Street era il punto di approdo dei 26 milioni di viaggiatori che ogni anno atterravano all’aeroporto di Stansted. In più il vicino quartiere di Shoreditch è il cuore delle start-up e del mondo fintech di Londra, popolato da nerd informatici e giovani imprenditori. Una fascia di clientela ideale, ma da un anno però la zona è deserta: uffici vuoti e stazione ferroviaria desolata (tanto che tutti i negozi dentro lo scalo sono chiusi). Eataly è in una posizione strategica secondo i parametri nel mondo di prima. Ma in quello di oggi e di domani è un’incognita: molto del successo di Eataly London non dipenderà dai prodotti, notoriamente di altissima qualità, ma da quanti viaggiatori torneranno alla stazione e da quanti pendolari in ufficio.

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews