martedì, Giugno 15, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCultura1 maggio, la poesia di Gianni Rodari da insegnare ai bambini

1 maggio, la poesia di Gianni Rodari da insegnare ai bambini

Si avvicina il Primo Maggio, la Festa dei lavoratori: proprio a questi è dedicata la poesia di Gianni Rodari intitolata “Gli odori dei mestieri“. Poesia che può rappresentare un supporto nella spiegazione della festa, e del significato che cela, ai bambini. Alle volte i versi, specie quelli provenienti dall’abilità dei grandi poeti, possono risultare più efficaci di mille parole. La Festa dei lavoratori spiegata ai bambini così, ovvero attraverso una apparentemente semplice ma significativa poesia, diventa ancora più facile.

Poesia di Gianni Rodari “Gli odori dei mestieri”

Io so gli odori dei mestieri:
di noce moscata sanno i droghieri;
sa d’olio la tuta dell’operaio;
di farina il fornaio;
sanno di terra i contadini;
di vernice gli imbianchini;
sul camice bianco del dottore
di medicine c’è un buon odore.
I fannulloni, strano però,
non sanno di nulla e puzzano un po’.

1 maggio, la poesia di Gianni Rodari da insegnare ai bambini

Riflessioni sul 1 maggio per bambini

La giornata dei lavoratori è una festa che rende omaggio a tutti i lavoratori. Si tratta di una ricorrenza che viene celebrata in diversi Paesi del mondo. In questa data, tutti i lavoratori hanno un giorno libero. Il Primo Maggio ricopre un significato importantissimo e va commemorato per non dimenticare tutte quelle persone che, in passato, hanno lottato per ottenere condizioni di lavoro dignitose.

Tale data è nata come momento di lotta dei lavoratori di tutto il mondo per affermare i propri diritti e per migliorare la propria situazione economica e sociale dato che erano costretti a lavorare anche fino a 16 ore al giorno. Allora si lavorava dall’alba al tramonto, non c’erano – come oggi – ferie, permessi, giorni di riposo, pause o feste. I lavoratori non avevano diritti, solo obblighi. Anche gli anziani dovevano lavorare fino a tarda età, perché non essendo prevista la pensione, dovevano mantenersi finché si poteva. Lavoravano perfino i bambini.

Photo | Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews