martedì, Giugno 22, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaIl governo di Seoul confisca 22 milioni di dollari in crypto da...

Il governo di Seoul confisca 22 milioni di dollari in crypto da evasori fiscali

Il governo di Seoul, capitale sudcoreana, ha annunciato un sequestro di criptovalute per un valore pari a 25 miliardi di won (22 milioni di dollari) da individui e dirigenti di aziende.

Secondo un report pubblicato dal Korea Times, le crypto confiscate appartenevano a persone accusate di evasione fiscale dall’agenzia tributaria della città.

Nell’ambito dell’indagine, l’ufficio del National Tax Service di Seoul ha identificato 1.566 individui e dirigenti con tasse non pagate. L’ente ha quindi confiscato 22 milioni di dollari in valute digitali, detenute da 676 tra questi su tre exchange di criptovalute.

Dato che i conti con nome reale sono obbligatori in Corea del Sud, gli enti governativi possono facilmente ottenere le informazioni di trading dei clienti dagli exchange di criptovalute. Anche le imprese devono rispettare rigidi requisiti informativi per le transazioni crypto, e i dirigenti delle aziende in contravvenzione rischiano l’arresto e il carcere.

Stando all’NTS, i 676 individui dovevano pagare circa 25 milioni di dollari in tasse; in seguito alla confisca, 118 hanno già rimesso oltre 1 milione di dollari al governo.

Secondo una dichiarazione dell’ente governativo citata dal Korea Times, pare che gli evasori fiscali abbiano esortato le autorità a non liquidare le crypto confiscate:

“Crediamo che i contribuenti si aspettino che il valore delle loro criptovalute aumenti ulteriormente, dato il recenti aumento dei prezzi. Ritengano che guadagneranno di più pagando le tasse evase in fiat, ricevendo indietro i fondi confiscati.”

Bitcoin (BTC) rappresenta la proporzione più grande dei 22 milioni di dollari in crypto confiscati dal governo. Altri token popolari includono DragonVein e XRP al 16% ciascuno, mentre Ether (ETH) costituisce il 10% della somma totale delle valute digitali sequestrate.

Come segnalato in precedenza da Cointelegraph, l’NTS aveva rivelato piani per approfondire le sue indagini su individui e società intenzionati a evadere le tasse nascondendo i propri asset in crypto. L’agenzia fiscale aveva rivelato che avrebbe preso di mira persone con mancati pagamenti di imposte superiori a 8.800$.

Nel frattempo, la normativa fiscale sulle criptovalute della Corea del Sud entrerà in vigore a gennaio 2022. Il regime fiscale vedrà un’imposta del 20% sulla plusvalenza derivante dal trading di criptovalute oltre i 2.300$.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews