lunedì, Giugno 21, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaSecondo il co-fondatore di Ripple, Bitcoin dovrebbe abbandonare la Proof-of-Work

Secondo il co-fondatore di Ripple, Bitcoin dovrebbe abbandonare la Proof-of-Work

I collaboratori al codice di Bitcoin (BTC) dovrebbero prendere seriamente in considerazione l’allontanamento dal meccanismo di consenso Proof-of-Work della criptovaluta, afferma il co-fondatore di Ripple, Chris Larsen.

In un blog post pubblicato mercoledì, Larsen ha delineato le principali vulnerabilità associate alla PoW, sottolineando le crescenti preoccupazioni circa l’impronta ecologica di Bitcoin. Secondo il dirigente, le criptovalute basate su PoW come Bitcoin dovrebbero considerare un cambiamento del codice a favore di metodi di convalida a emissioni zero come la Proof-of-Stake, il consenso federato o soluzioni non ancora sviluppate:

“Ritengo che tale cambiamento sia estremamente importante per far sì che Bitcoin rimanga la criptovaluta dominante a livello mondiale. L’attuale domanda energetica e impronta ecologica della PoW sono già insostenibilmente elevate: solo Bitcoin consuma una media di 132 TWh all’anno, equivalente a circa 12 milioni di case statunitensi.”

Il co-fondatore ha fatto notare che le altcoin non-PoW (inclusa l’attesissima transizione di Ethereum alla Proof-of-Stake) rappresentano il 43% di tutte le criptovalute per capitalizzazione di mercato, e che molte nuove monete decidono di evitare la PoW. “È chiaro in quale direzione si muove il trend,” ha affermato.

Larsen ha menzionato che il registro di XRP utilizza il consenso federato per proteggere il suo network e convalidare le transazioni già da circa nove anni. “Ha registrato oltre 62 milioni di voci senza downtime, usa l’equivalente energetico solo di 50 case statunitensi all’anno,” ha aggiunto. Anche alcune nuove altcoin di successo come il token nativo di Binance, Binance Coin (BNB), adottano una versione della PoS.

I commenti di Larsen arrivano durante un calo significativo della dominance di Bitcoin sui mercati crypto. A marzo, il Bitcoin Dominance Index è sceso sotto il 60% per la prima volta da ottobre 2020. Mentre il mercato delle altcoin guadagna slancio, Bitcoin continua a perdere la sua quota di mercato: quest’oggi la dominance scesa sotto il 50%, livello intoccato da più di tre anni.

Il dibattito tra i sostenitori della PoW e quelli della PoS continua ormai da anni, con i costi energetici della PoW considerati il problema centrale. Le comunità di Bitcoin e Monero, tra i più grandi sostenitori della PoW, obiettano spesso che la PoS non può raggiungere il livello di sicurezza e decentralizzazione fornito dalla Proof-of-Work.

Niklas Nikolajsen, fondatore del broker crypto svizzero Bitcoin Suisse, ha previsto che Bitcoin passerà alla PoS dopo che il network di Ethereum avrà dimostrato il successo dell’algoritmo.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews