martedì, Giugno 15, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieLavoro, i sindacati da Orlando: "Blocco dei licenziamenti per tutti fino al...

Lavoro, i sindacati da Orlando: “Blocco dei licenziamenti per tutti fino al 31 ottobre”

MILANO – “Pur apprezzando gli sforzi fatti dal governo, va fatto uno sforzo ulteriore. Non condividiamo la scelta di aver lasciato ancora una volta fuori dalle indennità alcune categorie di lavoratori. Il governo deve rimediare nella fase di conversione in legge del dl Sostegni a questa grave lacuna”. Così il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, sintetizza quanto rimarcato dai sindacati nel confronto con il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, di questa mattina. “La distinzione presente nel decreto tra datori di lavoro rientranti nel perimetro Cigo e datori rientranti nel quadro dell’assegno ordinario e Cig in deroga, non trova riscontro nella situazione reale ancora molto grave: chiediamo di eliminare questa distinzione allineando le causali e spostando in avanti sia la cassa covid, sia la fine del blocco generalizzato dei licenziamenti almeno sino al 31 ottobre”. Il piano attuale prevede due scadenze sfalsate, fino a giugno per chi dispone della cassa e fino a ottobre per chi è fuori.

Linea confermata dal segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri: “Fino a quando ci sarà una crisi sociale e sanitaria di questa portata, tutti i lavoratori vanno tutelati”. E dettaglia: “Abbiamo chiesto al ministro Orlando di prorogare il blocco dei licenziamenti, tenuto conto anche del fatto che, probabilmente, lo stato di emergenza sarà prolungato sino al 31 luglio. Su questo punto – ha riferito il leader Uil – abbiamo registrato una posizione contraria di Confindustria”. “Abbiamo poi chiesto al Ministro di valutare l’obbligatorietà per le aziende di utilizzare le 12 settimane di cassa integrazione a loro disposizione, prima di avviare qualsiasi procedura. Le posizioni tra le parti sono distanti – ha ribadito – vedremo, il Governo cosa deciderà”.

Lavoro, arrivano le “scuole di mestiere” per 2 milioni di giovani neet

di

Valentina Conte

20 Aprile 2021

Oltre a rimarcare questa esigenza, il leader della Cgil, Maurizio Landini, ha spiegato che sulla proroga del blocco dei
licenziamenti i sindacati hanno registrato “alcune resistenze da parte di Confindustria e maggiori disponibilità da parte di Confapi”. Confapi ha proposto di mantenere il blocco fino al 31 agosto non prorogabile, conservando parallelamente la cassa integrazione Covid, come spiegato dal presidente Maurizio Casasco dopo la richiesta dei sindacati.

Il segretario della Cgil ha inoltre sottolineato la necessità di “sviluppare le opportunità del Fondo nuove competenze per affermare il diritto alla formazione dei lavoratori e delle lavoratrici nella fase di ridefinizione dei processi produttivi e organizzativi delle imprese” e ribadito “le richieste emendative già consegnate al Parlamento al decreto Sostegni sulle indennità e le altre misure di protezione dei lavoratori, che devono essere in questa fase rafforzate ed estese”.

Il confronto con le parti sociali è “un momento utile per stabilire come affrontare i prossimi passaggi a partire dalla fine del blocco dei licenziamenti nel mese di giugno”, ha spiegato invece Orlando a margine del tavolo. “Andiamo avanti con il lavoro che avevamo già impostato sulla riforma degli ammortizzatori sociali”, ha aggiunto”: “E’ un passaggio molto importante per dare nuove tutele a molti lavoratori e anche nuovi strumenti alle imprese”.

Di riaperture e ritorno all’attività ha parlato, in altra sede, il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia: “Forse ci sarà un’anticipazione dal primo luglio al 15 giugno” dello svolgimento di convegni e congressi e attività fieristiche, ha spiegato rispondendo alle interrogazioni a risposta immediata in Commissione Attività produttive alla Camera. Per quanto riguarda i parchi tematici che riapriranno dal primo luglio “a mio avviso non va bene, vedremo di accelerare questa apertura in sicurezza”. Ha quindi assicurato che “nel decreto Sostegni bis ci saranno diverse iniziative a sostegno del settore” e che l’obiettivo del dicastero è “sostenere l’emendamento del decreto Sostegni 1 che prevede una estensione da 18 a 24 mesi della validità del voucher e inoltre la previsione che, con il consenso delle parti, il voucher possa essere ceduto all’agenzia di viaggio o emesso direttamente a favore di quest’ultima nell’ipotesi in cui il pagamento o la prenotazione sia stata effettuata dalle stessa agenzia”.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews