martedì, Giugno 22, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaCoronavirus frenato dall'antivirale Molnupiravir - Focus.it

Coronavirus frenato dall’antivirale Molnupiravir – Focus.it

Un farmaco sperimentale dall’azione antivirale inibisce la replicazione del SARS-CoV-2, e riduce i danni polmonari del coronavirus. Gli effetti promettenti dell’MK-4482, o Molnupiravir, descritti in un articolo su Nature Communications, si riferiscono a test su animali, ma il farmaco è attualmente in fase avanzata di sperimentazione clinica anche sull’uomo, e sta dando risultati convincenti sui pazienti covid non ricoverati in ospedale.

I test sugli animali. In criceti contagiati dal SARS-CoV-2 e con sintomi lievi da covid, il Molnupiravir ha inibito la replicazione del coronavirus sia quando è stato somministrato a partire da 12 ore prima del contagio, sia quando è stato dato a partire da 12 ore dopo aver contratto l’infezione. Dopo tre giorni di cura, l’antivirale – che era stato inizialmente sviluppato contro l’influenza – ha reso il virus 100 volte meno infettivo nei polmoni degli animali di entrambi i gruppi; i roditori hanno inoltre mostrato meno lesioni polmonari.

Per questa fase dei test sono stati scelti i criceti perché si è visto che trasmettono facilmente il patogeno senza subire sintomi gravi, così come avviene generalmente nei giovani adulti umani.

I test sull’uomo. Se questi risultati incoraggianti fossero confermati sull’uomo, il farmaco potrebbe essere impiegato per controllare l’infezione da SARS-CoV-2 nelle persone che sono state in contesti potenzialmente ad alto rischio (somministrazione pre-contagio), ma anche per il trattamento dei pazienti già positivi e con sintomi lievi o moderati.

Il Molnupiravir è già in fase di sperimentazione clinica sull’uomo. Dopo gli studi di fase 2 per stabilire il dosaggio più efficace, si è deciso di procedere alla fase 3 soltanto per i pazienti curati a casa: per quelli ospedalizzati, che hanno già una lunga storia di sintomi alle spalle, non sono stati infatti notati benefici clinici.

Se i risultati ottenuti con gli animali tenessero anche sull’uomo, l’antivirale potrebbe aggiungersi ai pochi farmaci attualmente a disposizione per trattare la CoViD-19 una volta che è avvenuto il contagio. Rispetto ad altri medicinali, ha il vantaggio di essere somministrabile per via orale: sarebbe quindi più facile consigliarlo per le cure a domicilio.

Oltre ad arginare i sintomi nei pazienti già contagiati, il Molnupiravir potrebbe aiutare anche ad arginare la trasmissione della covid perché ostacola la replicazione del virus: la speranza è dunque anche quella di riuscire a ridurre la finestra di tempo in cui una persona colpita è contagiosa.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews