venerdì, Giugno 18, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieChanel perde in tribunale con Huawei: i cinesi possono registrare il loro...

Chanel perde in tribunale con Huawei: i cinesi possono registrare il loro marchio

MILANO – Chi confonderebbe mai un accessorio Chanel con un cellulare Huawei? Nessuno, ovvio. Così come nessuno penserebbe mai di confrontare il glamour francese con la tecnologia degli smartphone cinesi (peraltro al centro di mille polemiche internazionali e oggetto del duro scontro con Donald Trump, su cui l’attuale presidente Usa non sembra voler cambiare posizione). Eppure, secondo la maison di alta moda , il marchio che Huawei aveva chiesto di registrare presentava troppe similitudini con i propri.

Sbaglia – Chanel – secondo il Tribunale Ue. I giudici hanno stabilito che i marchi in questione non sono simili. E hanno aggiunto che la comparazione va fatta sulla base dei rispettivi marchi così come sono stati depositati, senza modificarne l’orientamento, né ruotarli. Dunque, Huawei può procedere con la registrazione, per la quale aveva presentato domanda presso l’Ufficio dell’Unione europea (Euipo) nel 2017. Ne era seguita un’opposizione da parte della casa di mode, ma già nel 2019 Euipo si era espressa contro Chanel. Ora è arrivata la decisione del Tribunale, chiamato in causa proprio dai francesi.

Ma come sono i due marchi? Entrambi giocano sulla stessa lettera ripetuta e incrociata: nel caso di Chanel è la notissima C, posizionata in modo speculare (una verso destra, l’altra verso sinistra). Le due lettere si incrociano al centro, formando una specie di ellissi verticale. Nel caso di Huawei invece si intrecciano le U, una rivolta verso l’alto, una verso il basso, formando un’ellissi orizzontale.

Ora, i due marchi “presentano talune somiglianze ma le loro differenze visive sono rilevanti”, ha stabilito il tribunale e quindi non ci sono rischi di confusione, da parte del cliente-consumatore. Contro la sentenza Chanel può ancora presentare un’impugnazione ma solo su aspetti di diritto. La strada a questo punto sembra segnata: stavolta i cinesi non hanno copiato; e nemmeno occhieggiato al marchio glamour per antonomasia.

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews