giovedì, Giugno 24, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaI problemi della didattica a distanza per gli studenti italiani

I problemi della didattica a distanza per gli studenti italiani

Solitudine, bulimia digitale e connessioni internet instabili: sono queste alcuni dei problemi rilevati dal bilancio ad opera di Skuola.net in merito alla Didattica a Distanza in Italia. Nell’ultimo anno si è assistito senza dubbio a dei miglioramenti, ma le aree su cui bisognerebbe lavorare sono ancora molte. Fra tutte, spicca ad esempio il problema della cosiddetta “bulimia digitale”, che riguarda quei ragazzi e quelle ragazze che trascorrono dalle 6 alle 10 ore al computer.

Gli studenti “fragili” si trovano invece a dover fare i conti con un forte senso di solitudine, mentre a livello generale dilagano le difficoltà legate a una connessione internet poco efficace e funzionale:

Appena uno studente su due, oggi, ha un collegamento veloce e senza limiti di traffico; il 29% deve fare i conti con una connessione instabile; il 15% con dati limitati, 1 su 10 con ostacoli su tutti i fronti.

Per la nuova indagine, Skuola.net ha coinvolto 5.000 alunni di scuole secondarie. Dalle interviste è emerso che, nonostante tutto, la situazione è migliorata per molti bambini e adolescenti rispetto allo scorso anno. Solo uno studente su 3 ritiene che non vi sia stato alcun miglioramento nella gestione della Didattica a Distanza.

I problemi della didattica a distanza

Circa 1 studente su 10 è tagliato fuori dalla scuola proprio per colpa della Dad: sono quelli che, ad oggi, ancora non hanno un Pc o un tablet personale con cui seguire le lezioni. I più fortunati devono dividerselo con gli altri componenti della famiglia. Ma pure nell’altro 90% dei casi, pur essendoci dispositivi per tutti, il rischio di restare indietro è in agguato.

La pandemia e la DAD hanno già influenzato in maniera negativa l’apprendimento degli studenti. Migliorare la Didattica on line rimane quindi un problema che dovrebbe essere affrontato al più presto e nel miglior modo possibile.

via | Ansa
Foto di PublicDomainPictures da Pixabay

video -adv”>

video -adv__wrapper video -adv__wrapper–default”>

I Video di Bebèblog

Rare perché, una favola racconta le malattie rare

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews