domenica, Giugno 13, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieAnni di Piombo, l'appello degli intellettuali francesi: "No al rimpatrio degli esuli"

Anni di Piombo, l’appello degli intellettuali francesi: “No al rimpatrio degli esuli”

PARIGI – “Gli esuli politici italiani in Francia”. Vengono chiamati così gli ex terroristi rifugiati in Francia nel testo di un collettivo di intellettuali che firma su Le Monde un appello a difendere la “dottrina Mitterrand” di fronte alle nuove richieste di estradizione di esuli degli Anni di Piombo che trovarono rifugio in Francia.

“Riaffermare la ‘Dottrina Mitterrand’ sugli esuli politici – si legge nel titolo – non significa dare all’Italia lezioni in materia di giustizia”. Una frase che però viene contraddetta quando i firmatari scrivono che gli ex terroristi (non vengono mai chiamati così ma sempre “esuli”) furono accolti “perché, in certi casi, le condizioni del funzionamento della giustizia italiana, dettate dalla necessità di una risposta urgente alle derive terroristiche della contestazione sociale, lasciavano paradossalmente temere che non tutte le garanzie di equità fossero rispettate”.

Dossier anni di piombo. La Francia disponibile al rimpatrio di 11 terroristi

di

Conchita Sannino

10 Aprile 2021

L’appello esce a pochi giorni dal colloquio tra la ministra della Giustizia Marta Cartabia e il suo omologo francese Éric Dupond-Moretti che potrebbe portare a una svolta sulla vicenda delle estradizioni. La Guardasigilli ha consegnato una lista con undici nomi di italiani latitanti, di cui quattro condannati all’ergastolo e accolti in Francia secondo quanto aveva deciso l’allora presidente socialista all’Eliseo. “Questa decisione politica che consentì negli anni 1980 di accogliere in Francia militanti di estrema sinistra deve essere protetta” scrivono alcuni docenti, filosofi, avvocati, alcuni molti poco noti in Italia. Tra i nomi più famosi ci sono la scrittrice Annie Ernaux e il regista Robert Guédiguian. I firmatari ricordano che gli “esuli” italiani avevano dichiarato pubblicamente che “abbandonavano la militanza politica, che consideravano la loro attività passata come conclusa, e che rinunciavano alla violenza”.

I promotori dell’appello non spendono parole per le vittime del terrorismo e i famigliari che da decenni aspettano giustizia. Dal loro punto di vista “la guerra è finita” ed è tempo di voltare pagina. “Oggi – si legge ancora nel testo – i militanti italiani esuli arrivati all’inizio degli anni Ottanta hanno 40 anni di più. Sono ormai ampiamente nell’età della pensione. Sono stati giornalisti, ristoratori, medici, grafici, documentaristi, psicologi. Hanno avuto figli e nipoti. Non hanno mai smesso di ripetere che la guerra è finita; che sono da molto tempo estranei a quello che erano stati, senza mai rifiutare di ammettere la loro responsabilità”. “È a queste donne e a questi uomini, 40 anni dopo – si legge ancora – che si chiedono i conti”, “in nome di una giustizia che decreta che il perdono equivale all’oblio, che l’amnistia è sempre un tradimento, che la riconciliazione vale meno della riapertura delle ferite”. In conclusione, i firmatari ribadiscono che difendere la “Dottrina Mitterrand” è un modo di riaffermare “che la concezione della giustizia come puro strumento di vendetta, anche 40 anni dopo, è contraria a quello che noi continuiamo a considerare come un funzionamento illuminato della democrazia”.

 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

Previous articleecco la primavera di Apple
Next articleEvento Apple

YouGoNews