martedì, Giugno 15, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaCovid, Oms dice stop alla vendita di animali selvatici vivi nei mercati

Covid, Oms dice stop alla vendita di animali selvatici vivi nei mercati

Covid, l’Oms dice stop alla vendita di animali selvatici vivi nei mercati

Per arginare una nuova pandemia come quella di Covid-19, l’Oms dice stop ai mercati di animali selvatici vivi: ecco cosa spiegano gli esperti

Nel tentativo di arginare il rischio di una nuova pandemia come quella di Covid-19, l’Oms dice basta al commercio di animali selvatici vivi nei mercati. L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di fermare questo tipo di commercio, che rappresenta – spiegano gli esperti – una delle maggiori cause alla base delle malattie infettive trasmesse agli esseri umani.

I membri dell’Oms – in collaborazione con gli esperti dell’Organizzazione mondiale per la salute animale e il programma ambientale delle Nazioni Unite – hanno da poco rilasciato un nuovo comunicato, dove puntano l’attenzione in particolar modo sulla vendita dei mammiferi selvatici.

Proprio questi ultimi rappresentano infatti un rischio reale per lo sviluppo di nuove malattie, spesso collegate all’insorgenza di nuovi virus. Ciò è esattamente quello che potrebbe essere accaduto con il Sars-Cov-2.

In base alle analisi condotte in Cina da una task force di esperti dell’Oms, alla base della pandemia che ha sconvolto il mondo potrebbe esservi infatti la trasmissione del virus da un animale all’uomo.

Oms sul Covid: stop ad animali selvatici nei mercati

Covid Prevenzione

Gli animali, in particolare quelli selvatici, sono la causa di più del 70% di tutte le nuove malattie infettive trasmesse agli esseri umani, molte delle quali determinate da nuovi virus.

Per scongiurare il rischio di nuove emergenze future, gli esperti chiedono che nei mercati si osservino anche le adeguate norme igieniche. Ciò sarà importante per ridurre il rischio di contagi fra commercianti e clienti.

Si ipotizza infine l’introduzione di ispettori veterinari. Queste persone avranno il compito di rinforzare i sistemi di sorveglianza e far rispettare le nuove regole, ma non solo! Avranno anche il delicato compito di identificare in maniera tempestiva delle eventuali situazioni critiche e potenzialmente pericolose per la salute. Tali figure avranno anche il compito di sensibilizzare commercianti e acquirenti attraverso delle apposite campagne di informazione.

via | Repubblica
Foto di PublicDomainPictures da Pixabay
Foto di enriquelopezgarre da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews