Un’osteria di Ostia ha voluto manifestare civilmente contro le recenti proposte del governo Draghi, “inforcando” un piatto tradizionale: così la sua protesta passa dalla gola e si fa con l’amatriciana gratis.

L’iniziativa viene dall’Hostaria Scannapapere di Ostia: proporre un piatto di amatriciana d’asporto gratis a tutti i clienti per tutto il giorno. Così l’osteria vuole condividere il concetto che, secondo i suoi titolari, i ristori di governo sono «lesivi e ridicoli della nostra dignità».

La proposta è partita dalla pagina Facebook del locale due giorni fa:

I titolari, Alessandro e Bruno Bareato, hanno pensato di regalare al pubblico il piatto originario del paese del Reatino: sono state preparate e consegnate oltre 200 porzioni e nell’osteria hanno rispettato tutte le regole anti contagio: hanno evitato ogni possibile assembramento e hanno consegnato la specialità locale, sin dalle 11.30. Per i titolari è stato un bel modo di ritrovare i propri clienti e sperano di aver fatto passare il concetto.

Anche altri ristoratori hanno tentato, nell’arco degli svariati DPCM, di protestare contro il Governo ogni volta che venivano chiusi o limitati: a Napoli, a inizio mese, la protesta si è fatta “in mutande”, quando la storica napoletana “Al 22” ha preparato alcune pizze a forma di mutande, come gesto di protesa, provocazione e allo stesso tempo solidarietà ai ristoratori più in difficoltà.

Ma c’è anche chi ha protestato senza preparare nulla da mangiare : a Livorno, il mese scorso la protesta dei ristoratori è stata fatta con le magliette bianche appese fuori dai locali.

[ Fonte: ANSA ]