giovedì, Giugno 24, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieEmissioni elettromagnetiche, maggioranza in pressing sul Governo per alzare i limiti

Emissioni elettromagnetiche, maggioranza in pressing sul Governo per alzare i limiti

Problemi col tuo operatore? Scrivi a esperto.telefonia@repubblica.it

 

Maggioranza in pressing sul Governo per alzare i limiti delle onde elettromagnetiche, adeguandoli così al resto d’Europa e favorire uno sviluppo del 5G italiano, ampio e sostenibile. Gli attuali limiti italiani sono ben dieci volte più bassi, penalizzando la costruzione della rete e al tempo stesso obbligando gli operatori ad aumentare il numero di antenne.

L’ultimo round si è consumato questa settimana, quando Enza Bruno Bossio – che porta avanti questi temi per il Pd – ha sfruttato l’audizione del ministro all’innovazione Vittorio Colao per spingerlo a valutare il problema. La questione è bipartisan, perché a fine a marzo la Commissione Trasporti Tlc della Camera ha approvato un parere che impegna il Governo a diversi interventi sul Pnrr, tra cui appunto portare i limiti elettromagnetici italiani al livello europeo. Relatori del parere la stessa Bossio e Paolo Ficara (M5s). “La Lega è d’accordo nel valutare innalzamento dei limiti”, aggiunge a Repubblica Massimiliano Capitanio, che segue questi temi per il partito.

Sindaci contro il 5G, l’Antitrust fa un assist al Governo. Ma si va verso lo scontro d’autunno

Alessandro Longo

20 Agosto 2020

Colao ha mostrato una prima piccola apertura, pur moderando le parole. Il tema – com’è noto – è impopolare. “Per scongiurare l’aumento di 10 volte dei limiti italiani sulle emissioni elettromagnetiche approvate in Commissione parlamentare, Alleanza Italiana Stop 5G promuove lo sciopero della fame. Hanno già aderito cittadini, attivisti, politici, sindaci, medici e tecnici. Raccolte 62.000 firme”, si legge in una nota diffusa da Alleanza Italiana Stop 5G qualche giorno fa.

“Bisogna garantire il numero possibile di antenne e la salute, la tranquillità cittadini”, ha risposto Colao in audizione. “Sappiamo che il 5G richiede molte più antenne, serve bilanciamento (tra interessi, ndr)”, ha continuato Colao, che in quanto ex amministratore delegato di Vodafone conosce bene la situazione. Infine, l’apertura, con parole misurate: “La scienza qui parla e si valuteranno, se si dovranno valutare, le evidenze scientifiche”.

Il problema dei Comuni “senza campo”: la battaglia per estendere la rete mobile

Alessandro Longo

22 Settembre 2020

Evidenze che hanno finora smentito un rischio concreto connesso alle antenne radiomobili (incluse quelle delle frequenze usate dal 5G), nonostante le migliaia di studi fatti.

Infine, anche l’Antitrust si è schierato a favore di questa tesi, a fine marzo, in una lettera inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri con proposte legate alla Legge Annuale per Il Mercato e la Concorrenza. L’Authority chiede di verificare la validità di questi limti che “appaiono essere estremamente ridotti rispetto a quelli raccomandati in sede europea” costituendo “una barriera all’entrata e all’espansione di nuovi operatori e di nuovi servizi”.

Dall’altra parte della barricata, ormai, a parte i comitati e associazioni di cittadini anti-5G, sembra esserci solo Fratelli D’Italia. O almeno così risulta dalle parole del suo esponente Marco Silvestroni, durante l’audizione a Colao: “Sulle onde elettromagnetiche nei corridoi all’interno della maggioranza si rincorrono opinioni in libertà”, ha detto, aggiungendo che l’aumento dei limiti “per noi non è priorità”; pur chiedendo anche lui, come la maggioranza e come annunciato dallo stesso Colao in un futuro decreto, semplificazioni agli operatori per l’installazione di reti fisse e mobili.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

Previous articleI tirapresto
Next articleLiam Scarlett

YouGoNews