lunedì, Giugno 21, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieDa Mannoia a Manuel Agnelli gli artisti in piazza accanto ai lavoratori...

Da Mannoia a Manuel Agnelli gli artisti in piazza accanto ai lavoratori dei “Bauli”. La protesta del mondo dello spettacolo

Anche gli artisti sono scesi in piazza accanto ai lavoratori dello spettacolo nella manifestazione romana di Piazza del Popolo dopo il primo appuntamento che si è svolto in piazza Duomo a Milano. ‘La Musica che Gira’ e ‘U.N.I.T.A.’ (Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo), le due associazioni che hanno rappresentato gli artisti ai tavoli di confronto con il governo in questo anno di crisi provocato dalla pandemia e dalle chiusure che ha determinato, sono scesi in piazza con artisti molto noti del mondo della musica , del teatro, del cinema e dell’audiovisivo: Fiorella Mannoia, Renato Zero, Carlotta Natoli, Brunori Sas, Manuel Agnelli, Max Gazzé tra gli altri.

Da Diodato a Alessandra Amoroso le star della musica accanto ai lavoratori per la protesta del mondo dello spettacolo

Fiorella Mannoia, Giuliano Sangiorgi, Max Gazzè, Emma, Daniele Silvestri, Manuel Agnelli, Alessandra Amoroso, Diodato, Roy Paci tra gli artisti che sono scesi in piazza ieri a Roma per unire la loro voce a quella dei lavoratori dello spettacolo . Il flash mob di Bauli in piazza ha portato oltre 1000 (più molti altri lungo le transenne) fra artisti, tecnici, organizzatori, a manifestare, nel rispetto delle misure anticovid, per farsi ascoltare dal governo. Tutti vestiti di nero, utilizzando come simbolo i tipici grandi  bauli dello stesso colore usati per trasportare attrezzature, scenografie e strumenti necessari per gli spettacoli e i concerti.

L’adesione dei “Bauli” che dovevano essere 419, come i giorni passati da quando i lavoratori dello spettacolo e degli eventi sono impossibilitati a svolgere la propria professione a causa dei lockdown, è stata enorme: 1000 i Bauli In Piazza per la seconda manifestazione nazionale in Piazza del Popolo a Roma.

Roma, “Bauli in Piazza”: la protesta di artisti e lavoratori dello spettacolo . Mannoia: “Pronti a ripartire”

video “>

video /photo/2021/04/17/767031/767031-thumb-rep-170421_artisti_e_lavoratori_dell.jpg” width=”316″ height=”178″/>

Grazie ai lavoratori e agli artisti è stata rilanciata la piattaforma di rivendicazioni e richieste della parte artistica che per molti aspetti coincide con quella dei lavoratori dello spettacolo ma che presenta anche sue pecularità consultabili sul sito della campagna “I diritti sono uno spettacolo ”. I suoi temi fondamentali sono la necessità di articolare e gestire la ripartenza del settore, una doverosa riflessione sulle misure emergenziali, una riforma strutturale che il settore aspetta da tantissimo tempo e che avrebbe protetto i lavoratori e le realtà produttive durante questa crisi provocata dalla pandemia.

La campagna, partita a marzo dal palco dell’Ariston durante il Festival di Sanremo con l’intervento di Alessandra Amoroso e Matilde Gioli, è nata per attirare l’attenzione del pubblico sulla necessità di una pronta ripartenza delle attività produttive dello spettacolo ferme da troppo tempo. Esprime poi un giudizio molto negativo sulle misure emergenziali espresse fin qui dal governo e giudicate insufficienti da ‘La Musica che Gira’ e da ‘Unita’, fino ad arrivare a una proposta di riforma volta a riconoscere il valore artistico, produttivo e sociale del settore cultura che ponga rimedio ai problemi strutturali alla base della sua fragilità.

Bauli in piazza, in trasferta da Milano a Roma la protesta dello spettacolo : il flash mob per chiedere di ripartire

di

Marco Castrovinci

17 Aprile 2021

“Senza un intervento definitivo e il più possibile unitario, le conseguenze di questa crisi saranno drammatiche, stiamo già assistendo a ricadute insostenibili sulla vita dei lavoratori” dicono i portavoce delle due associazioni, “in questi lunghi mesi caratterizzati dallo stop forzato delle attività culturali abbiamo preso atto che teatri, cinema, live club e spazi culturali, nonostante si siano dimostrati luoghi sicuri, sono costantemente considerati attività produttive sacrificabili. A una legge sul lavoro per arginare il piano emergenziale ed  entrare finalmente nell’era del riconoscimento del lavoro discontinuo, è necessario affiancare una riforma sul riconoscimento degli spazi culturali e sulle imprese”.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews