lunedì, Giugno 14, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareBrescia: funzionari si ritrovano a un pranzo illegale e mangiano uccelli vietati

Brescia: funzionari si ritrovano a un pranzo illegale e mangiano uccelli vietati

L’irresistibile desiderio di trasgredire la legge per mangiare uccelli vietati: un “lusso” che diversi funzionari e impiegati a Brescia si sono concessi, organizzando un pranzo illegale.

Ne valeva davvero la pena sedersi a tavola, andando contro le regole anti contagio, a un passo dalla possibilità che si allentino, per mangiare alcuni scheletrici e piccoli uccelli vietati dalla legge? A quanto pare per 23 persone, tra impiegati e funzionari di Brescia, sì, valeva la pena. I Carabinieri hanno bloccato una festa due giorni fa in cui hanno individuato 23 commensali intenti a consumare il famoso “spiedo bresciano”, nota anche come polenta e osei: la tradizione vuole che questa pietanza di carne sia accompagnata da polenta e uccellini di cacciagione, in particolare i cosiddetti uccellini dal becco gentile, come allodole, tordi, beccafichi o fringuelli.

Questo genere di uccellini è però vietato dal 2014 per proteggere alcune specie di volatili a rischio, secondo la modifica del decreto legge n.91 che afferma che: “è vietato vendere, detenere per vendere, trasportare per vendere, acquistare uccelli vivi o morti”. I bresciani lo sanno ormai molto bene e in realtà non si sorprendono più di tanto di questo stravolgimento culinario della loro tradizione. Fatta eccezione per alcuni, a quanto pare.

Il pranzo illegale (sotto diversi punti di vista) è stato consumato all’interno di una grande sala nella sede di Gardone Val Trompia della Comunità Montana. Gli ospiti sarebbero tutti impiegati o funzionari della struttura, stranamente non appare alcun politico. I piatti sarebbero stati preparati da alcuni commensali nelle loro case e poi avrebbero condiviso il piatto vietato all’interno della struttura. A quanto risulta, i funzionari e gli impiegati avrebbero cucinato una cinquantina di uccellini.

Al momento non si sa come i Carabinieri forestali siano venuti a conoscenza del pranzo illegale, l’unico commento, al momento, è quello rilasciato da Massimo Ottelli, presidente dell’ente pubblico che ho fornito le sale del pranzo illegale: «Fino a qualche ora fa non sapevo nulla di quanto è successo. Ho già convocato i due dirigenti lunedì mattina per un approfondimento e una verifica sulle responsabilità interne. Naturalmente le forze dell’ordine faranno il loro percorso. Mi risulta che non sia stato rilevato nessun assembramento viste le capacità della sala».

[ Fonte: Bresciatoday ]

 

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews