sabato, Maggio 8, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareLunch box antirazzista: l’idea di una bottega nel Parco del Ticino

Lunch box antirazzista: l’idea di una bottega nel Parco del Ticino

“Ama gli altri così come ami il loro cibo ”: uno slogan chiaro, che dallo stomaco arriva dritto al cuore. Da una bottega del Parco del Ticino arriva l’idea di una lunch box antirazzista, che vuole promuovere un mondo culinario davvero unito da un gusto internazionale.

Ester Produzioni, la cooperativa che gestisce il ristoro Centro Parco ex Dogana austroungarica nel parco del Ticino, ha voluto aderire al movimento internazionale “Bakers against racism” promuovendo una proposta che fa il giro del mondo per poi atterrare a casa tua: un box d’asporto antirazzista.

“La cucina può essere un importante strumento sociale e politico, se non ci si limita a considerarne l’aspetto edonistico per soddisfare il palato” ha spiegato Ester Azzola, l’ideatrice della proposta, giovane biologa specializzata in nutrizione e neuroscienze e socia della cooperativa. “Bakers against racism è diffuso per esempio a Los Angeles e New York e ora stiamo provando a portarlo anche in provincia di Varese – continua Azzola – Qui troppo spesso la gente si rassegna al fatto che non succeda mai nulla, che le proposte interessanti e coinvolgenti si trovino solo nelle grandi città. Non dev’essere per forza così“.

Per combattere il razzismo, si parte dalla cultura più aggregativa di tutte: la tavola. I lunch box che verranno consegnati, saranno curati graficamente da Claudia Tramarin e Sandra Bersanetti, mentre il testo all’interno della scatola è di Alessandro Leone. Ogni box costa 40 euro e può soddisfare due persone per cena o quattro per un aperitivo.

Come proposte, i box al momento prevedono empanadas di carne dall’Argentina, bao ai funghi shiitake dalla Cina, Goi cuon verdure e fragole dal Vietnam, wat di manzo alle spezie berberè e injera dall’Etiopia e crackers di za’atar e baba ganoush dal Medioriente. E poi i dolci, ovvero ponteduro de palomitas dal Messico, kheer al cardamomo dall’India e qata dalla Georgia.

“Il 10% del ricavato verrà devoluto all’associazione ‘Il razzismo è una brutta storia’ – ha aggiunto Gabriella Pedranti, anima di Ester Produzioni – L’idea è quella di offrire a chi sosterrà il progetto una cena senza pregiudizi e frontiere. Da anni noi usiamo il cibo come veicolo di contatto con le altre culture, perché permette di andare al di là delle barriere, compresa quella linguistica”.

[Fonte: la Repubblica ]

 

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews