martedì, Giugno 15, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieFilippo, la vita del principe in quattro matrimoni e due funerali

Filippo, la vita del principe in quattro matrimoni e due funerali

LONDRA – Quattro matrimoni e due funerali: i quasi cent’anni della lunga vita del principe Filippo si possono riassumere anche così. Tutto il resto ha avuto meno importanza, erano solo mani da stringere, nastri da tagliare, cerimonie a cui partecipare, o è avvenuto prima che diventasse marito della regina, dunque fuori dai riflettori, come il servizio militare in Marina durante la Seconda guerra mondiale. Per capire chi fosse il duca di Edimburgo, e l’affetto o perlomeno l’interesse di tanti perfino fuori dall’Inghilterra nei suoi confronti, in fondo bastano sei momenti: quattro felici, almeno temporaneamente, due funesti.

Il primo sono le sue nozze con Elisabetta, il 20 novembre 1947. “Sono pazzo o sono coraggioso?”, confida a un amico su una decisione che lo costringe a cambiare nome, religione, nazionalità e a rimanere per sempre un passo dietro la moglie, non proprio in linea con il suo carattere esuberante e avventuroso. Per tacere della rinuncia ad altre conquiste: le donne gli sono sempre piaciute. Per settantaquattro anni, sessantanove dei quali con Lilibet – come la chiamava – sul trono, è un marito e compagno impeccabile: “La mia roccia”, lo definisce la sovrana. Fedele e deferente, pur senza perdere l’immagine di maschio alfa.

Il secondo evento è il matrimonio tra Carlo e Diana, il 29 luglio 1981. Ribattezzate “le nozze del secolo”, teletrasmesse in mondovisione dalla cattedrale di St. Paul, ma già segnate da brutti presagi. Dei quattro figli, il primogenito è quello con cui Filippo ha minore sintonia: “Carlo è un romantico”, racconta con una punta di disprezzo, “io sono un pragmatico”. Invece con lady D sviluppa un rapporto importante. Le scrive lettere confidenziali, firmandosi “pà”. In una di queste, dopo il divorzio, confessa: “Non riesco a capire come un uomo possa lasciare te per innamorarsi di Camilla”. Un padre severo, all’antica, con la propria prole, a eccezione di Anna, prediletta non perché femmina ma perché è l’unica con il suo stesso carattere combattivo e irriverente. Un suocero affettuoso, specie con le nuore (tranne Sarah Ferguson, moglie di Andrea, che non sopportava).

Al funerale di Diana nel 1997 (afp)

Poi c’è il funerale di Diana, il 6 settembre 1997, duemila persone nell’abbazia di Westminster, dove il feretro arriva dopo un corteo partito da Kensington Palace. A palazzo reale si discute intensamente se anche William e Harry, all’epoca di 15 e 12 anni, debbano seguire la bara della madre per le strade di Londra. Il padre Carlo, che teme di essere rovinato per sempre dalla tragica fine dell’ex-moglie, ha paura che i due ragazzi non riescano a trattenere le lacrime. La regina stessa è incerta. Decide Filippo: “Andrò io con loro”. Nella fila a cinque dietro il carro con le spoglie di lady D, in mezzo c’è il conte di Spencer, fratello di Diana, a separare William e Harry. Carlo, su un lato, di fianco a Harry, sembra imbarazzato. Filippo, sull’altro lato, vicino a William che un giorno sarà re, è l’ancora che tiene tutti saldi e uniti.

Gli anni passano, anzi i decenni. Il 29 aprile 2011, nella stessa abbazia in cui ha detto addio alla madre, William sposa Kate Middleton. Arrivando in carrozza con la regina, in uniforme militare, Filippo saluta la folla raggiante. Ha già 89 anni, ma sembra ancora in gran forma. Sette anni più tardi, il 19 maggio 2018, per il matrimonio di Harry con Meghan Markle al castello di Windsor, è già ultranovantenne: stavolta in borghese, un frac portato con lo stile che gli ha fatto attribuire il titolo di uomo più elegante d’Inghilterra. Ride con Harry, pare incantato dalla bellezza di Meghan, è l’unico che in chiesa si gira a guardare incuriosito l’omelia un po’ incandescente del predicatore nero americano scelto dagli sposi. Sempre lui, in entrambe le nozze: candido, spontaneo, incorreggibile. Ormai patriarca di una nidiata di nipoti e pronipoti, nonno e bisnonno birichino per tutta la nazione.

Alle nozze di Harry e Meghan 

Non poteva conoscere la data del proprio funerale, ma sapeva che sarebbe arrivato e lo aveva preparato in ogni particolare: dalla Land Rover da lui stesso modificata per l’ultimo viaggio alla marcia della Marina militare per l’estremo saluto. Sebbene vi sia stato immerso per quasi tutta l’esistenza, non amava la pompa magna e non l’ha voluta per le proprie esequie: “No fuss”, niente fronzoli, senza fare tante storie, era la sua espressione preferita. Un’altra delle sue contraddizioni. Ma sono proprio queste ad averlo reso umano e popolare, a dispetto delle gaffes. L’uomo alfa sempre un passo indietro alla sovrana. Il padre severo e suocero affettuoso. L’espatriato per eccellenza, il greco-danese che ha dovuto cambiare identità per adeguarsi alla sua nuova nazione, diventato simbolo del patriottismo inglese. Come rivelano i quattro matrimoni e i due funerali del principe durato un secolo.

      
  

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews