domenica, Maggio 9, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroCaso irrisolto di omicidi a Lake Bodom

Caso irrisolto di omicidi a Lake Bodom

La mattina presto del 5 giugno 1960 quattro adolescenti (Maila Irmeli Björklund (15), Anja Tuulikki Mäki (15) ei loro fidanzati diciottenni, Seppo Antero Boisman e Nils Wilhelm Gustafsson) si erano accampati sulle rive del lago vicino la città di Espoo.

A volte tra le 4:00 e le 6:00 (EET) durante le prime ore del mattino di domenica 5 giugno 1960, Mäki, Björklund e Boisman furono tutti pugnalati e bastonati a morte da un aggressore sconosciuto.

Mi piace anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Gustafsson, l’unico sopravvissuto al massacro, aveva fratture delle ossa facciali che sembravano confermare la sua storia. In seguito dichiarò di aver visto di sfuggita un aggressore vestito di nero con occhi rosso vivo che veniva a prenderli.

Nessuna arma del delitto è stata recuperata dal sito, anche se mancavano alcuni effetti personali delle vittime.

Björklund, la ragazza di Gustafsson, è stata trovata spogliata dalla vita in giù e giaceva in cima alla tenda, e aveva subito il maggior numero di ferite tra tutte le vittime. È stata pugnalata più volte dopo la sua morte, mentre gli altri due adolescenti sono stati uccisi con meno brutalità. Anche Gustafsson è stato trovato disteso in cima alla tenda

Verso le 6:00, un certo numero di ragazzi che osservavano gli uccelli a una certa distanza avrebbe visto la tenda crollare e un uomo biondo allontanarsi dalla scena del delitto. I corpi delle vittime sono stati scoperti intorno alle 11:00 da un falegname di nome Risto Sirén.

Dopo aver scoperto i corpi, ha successivamente allertato la polizia, che è arrivata sul posto a mezzogiorno.

La tenda viene indagata subito dopo gli omicidi.

Sulla base delle indagini della polizia, l’assassino non aveva ferito le vittime dall’interno della tenda, ma invece aveva aggredito gli occupanti dall’esterno con un coltello e uno strumento smussato non identificato (forse una roccia) attraverso i lati della tenda.

A quel tempo, Nils Wilhelm Gustafsson disse che non riusciva a ricordare cosa fosse successo. Nonostante le impronte di scarpe macchiate di sangue sulla scena del crimine e che si allontanassero dalla scena del crimine corrispondessero alle suole delle calzature di Gustafsson (trovate a centinaia di metri di distanza), apparentemente non era considerato una persona di primo piano di interesse per l’indagine originale.

Dopo gli omicidi di Lake Bodom c’erano un certo numero di sospetti tra cui Pauli Luoma, un fuggiasco da un dipartimento di lavoro locale. Luoma è stato successivamente scagionato dagli omicidi dopo che il suo alibi è stato confermato. Anche Pentti Soininen era sospettato del crimine.

Soininen, già condannato per una serie di crimini violenti e crimini contro il patrimonio, avrebbe ammesso di aver commesso gli omicidi mentre era in prigione. C’era un certo scetticismo sulla colpevolezza di Soininen, ma la verità non sarebbe mai stata effettivamente conosciuta da quando si è impiccato in una stazione di trasporto di prigionieri nel 1969.

Molte persone del posto sospettavano che Karl Valdemar Gyllström, un guardiano di chioschi di Oittaa noto per aver espresso fastidio ai campeggiatori. La polizia non ha trovato prove concrete che lo colleghino ai veri omicidi.

Erano scettici riguardo alle presunte confessioni che si diceva avesse fatto perché lo consideravano disturbato. Annegò a Lake Bodom nel 1969. Nessuno dei sospettati nel caso di omicidi multipli fu mai condannato.

Alla fine di marzo 2004 il caso di omicidio di Lake Bodom ha preso un’altra svolta. Nils Wilhelm Gustafsson, l’unico sopravvissuto, è stato arrestato perché sospettato di aver ucciso i suoi amici.

L’accusa ha tentato di rafforzare il loro caso con l’identificazione da parte di due birdwatcher di Gustafsson come l’uomo che hanno osservato sulla scena del crimine. Secondo la dichiarazione ufficiale, Gustafsson è esploso in una rabbia gelosa per i suoi sentimenti per Björklund, la sua nuova ragazza.

È stata pugnalata più volte dopo il colpo mortale, mentre gli altri due adolescenti sono stati uccisi meno selvaggiamente, tuttavia, un anno dopo, nel 2005 il tribunale ha respinto il caso dell’accusa e assolto il signor Gustafsson e il caso rimane irrisolto.

Gli omicidi hanno scioccato la nazione, ma nonostante le intense indagini della polizia il caso rimane irrisolto fino ad oggi.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews