giovedì, Giugno 17, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareProsciutto di Parma, produzione e vendite in calo. Boom per il preaffettato

Prosciutto di Parma, produzione e vendite in calo. Boom per il preaffettato

Il Prosciutto di Parma chiude il 2020 con una riduzione della produzione del 2,2%: i prosciutti marchiati sono stati circa 8, 7 milioni, mentre le cosce avviate alla produzione sono state 7,8 milioni in diminuzione del 10% rispetto al 2019. Le vendite del Parma in Italia nei supermercati sono diminuite del 5,6%, mentre le esportazioni sono riuscite a contenere almeno in parte la crisi con un calo del 3% e 2,5 milioni di prosciutti esportati.Il segmento del preaffettato ha registrato un aumento del 21%, ma non è riuscito a compensare il calo generale poiché il preaffettato rappresenta solo il 10% del totale delle vendite.

«La pandemia – comunica il Consorzio – ha messo a dura prova il comparto e in particolare quelle imprese che si rivolgono al sistema della ristorazione (horeca): il protrarsi della chiusura di questo canale e le difficoltà del banco taglio nella gdo soprattutto nella prima parte del lockdown hanno determinato un significativo calo delle vendite con forti ripercussioni anche sulla produzione».

Loading…

Il calo del mercato e la chiusura dei ristoranti

«La pandemia ha indubbiamente accelerato un trend che era già in corso da diversi anni ovvero la crescita del Prosciutto di Parma preconfezionato – ha commentato il presidnete del Consorzio Vittorio Capanna – favorita non solo dall’effetto del confinamento, ma anche da prezzi particolarmente bassi e dall’allungamento della shelf-life della vaschetta, un aspetto fondamentale per i Paesi più lontani».

L’obiettivo dichiarato del Consorzio «sarà proprio quello di consolidare i brillanti risultati del preaffettato continuando a investire e fidelizzando quei consumatori che hanno deciso di acquistare il Parma in vaschetta».

«Il 2021 si preannuncia ancora difficile – ha aggiunto il presidente –  almeno nella prima parte dell’anno, ma si notano comunque i primi segnali di ripresa della domanda che con la riapertura della ristorazione e del settore alberghiero, si spera, porteranno a una crescita dei prezzi all’ingrosso attualmente ancora non remunerativi».

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews