martedì, Maggio 18, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareVertical farm, erbe officinali con più principi attivi e vegetali più nutrienti

Vertical farm, erbe officinali con più principi attivi e vegetali più nutrienti

Erbe officinali con alto contenuto di principi attivi, ma anche specie alimentari più nutrienti. Il tutto grazie a un ecosistema “perfetto” reso possibile dalla vertical farm. È la sfida che unisce l’agenzia di ricerca nazionale Enea con l’Idromeccanica Lucchini Spa.

«I sistemi altamente tecnologici ed automatizzati di questo tipo di farm che sfruttano l’illuminazione a led per coltivazioni fuori suolo – dice Gabriella Funaro, ricercatrice Enea della direzione Innovazione e Sviluppo – sono in grado di ricreare le condizioni ambientali perfette per ottimizzare la crescita delle piante, massimizzare i loro nutrienti e aumentarne la produzione, grazie alla coltivazione su più cicli annuali rispetto al singolo ciclo a terra».

Loading…

All’interno di ogni piano della serra verticale si possono trovare sistemi di coltivazione idroponici (coltivazione fuori suolo) o aeroponici (sistema simile all’idroponico ma irrigato tramite nebulizzazione di acqua), che permettono di utilizzare fino al 95% in meno di acqua rispetto alle tecniche tradizionali, «senza sfruttare suolo e in totale assenza di pesticidi e insetticidi».

Il risultato di questo esperimento sono erbe officinali ad alto contenuto di principi attivi da destinare alla produzione di farmaci e integratori, e specie alimentari più nutrienti e salutari.
«In questo caso – argomenta la ricercatrice – l’idea è stata quella di ‘sposare’ il campo farmaceutico, fortemente voluto da Idromeccanica Lucchini, mettendo al centro la qualità del prodotto finale per esaltare le specifiche peculiarità di ogni pianta».Quanto alle specie, tra le potenziali piante candidate ci sono lo zafferano e il gingseng siberiano.
«Produrre essenze vegetali necessarie alla farmaceutica – prosegue la ricercatrice dell’Enea – garantirebbe quindi fin da subito uno sbocco commerciale ai prodotti coltivati nella vertical pharmacy».

Soprattutto alla luce del fatto che in Italia la produzione di erbe officinali «è da sempre insufficiente a soddisfare le richieste crescenti di consumatori che sempre di più si rivolgono alle cure naturali». E l’industria farmaceutica che utilizza principi attivi di origine vegetale «importa ancora molto dai mercati esteri».

[Fonte] RSS Feed da www.dissapore.com www.gustoblog.it www.ilsole24ore.com

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews