martedì, Maggio 18, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaIl primo amore somiglia all’ultimo

Il primo amore somiglia all’ultimo

Nel racconto Il barone rampante di Italo Calvino, il nobile Cosimo Piovasco di Rondò rifiuta l’autoritarismo terreno e sceglie per sempre la vita sugli alberi. Un bel giorno viene a sapere che ci sono degli Spagnoli che non possono toccare terra. Cosimo va da loro e incontra Ursula. I due vanno per rami, si trovano stretti su un fragile pero e, a ogni gesto, finiscono per abbracciarsi. Comincia così il primo amore, giunto inaspettatamente: «bello da non capire come mai lo si potesse immaginare bello prima. E della sua bellezza la cosa più nuova era l’essere così semplice». A Cosimo allora parve che avrebbe dovuto essere sempre così. Ma poi la storia continua, un cattivo Gesuita li insidia, e Cosimo scoprirà che la semplicità è solo del primo amore.

Analisi dei primi amori

Umberta Telfener, studiosa delle relazioni, ci ha regalato una interessante, meditata, a tratti commovente analisi dei primi amori usando come fonti libri, film e «regalandoci» molti casi incontrati nella sua attività di psicoterapeuta. Uso il termine «regalare», che ricorre spesso nel libro, perché il primo amore è un’esperienza intima. Svelarla agli altri vuol dire regalare il periodo della nostra vita in cui lo spazio-tempo si è compresso in qualcosa di totalizzante, di puro, dalla bellezza inimmaginabile. I primi amori vivono all’interno di un mondo chiuso inosservabile dall’esterno.

Loading…

Se esaminiamo i primi amori descritti nei film e nei libri scopriamo che spesso finiscono perché irrompono le circostanze esterne, la vita degli adulti, la famiglia, insomma il caos delle possibilità impreviste e fuori dal controllo di Lei e Lui (o delle due Lei o dei due Lui).

Capita a Cosimo quando gli Spagnoli tornano a Granada. Capita nel film Nuovo cinema paradiso perché la famiglia di Lei cambia città e c’è un malinteso tra Lei e Lui. Un messaggio non viene recapitato per un disguido e poi riemergerà alla fine del film, troppo tardi, quando ormai Lei e Lui sono adulti maturi e il cinema sta per essere distrutto. Capita nella autobiografia di Nabokov: la rivoluzione russa scombussola il mondo e in un vortice di violenze scompare anche il primo amore.

François Truffaut

E così, i primi amori, almeno nei racconti, finiscono per lo più a causa di eventi avversi, non di decisioni. Nella storia del cinema François Truffaut è stato il solo regista a sviluppare un ciclo di cinque film in cui Antoine Doinel (attore Jean-Pierre Léaud) invecchia passando da bambino a una vita adulta con una progressione di amori che, inizialmente ingenui e semplici, finiscono poi per complicarsi sempre di più.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews