venerdì, Luglio 30, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaCosa succederà al prezzo di Bitcoin dopo la quotazione di Coinbase?

Cosa succederà al prezzo di Bitcoin dopo la quotazione di Coinbase?

Bitcoin (BTC) e Ether (ETH) hanno segnato una serie costante di nuovi massimi storici, causando un notevole aumento di volume e open interest nel mercato dei future su BTC. Il termine “open interest” si riferisce alla somma totale di operazioni attive nel mercato dei derivati su Bitcoin. Attualmente, l’open interest del mercato dei future su Bitcoin si aggira intorno a massimi storici, e al momento della stesura ammonta a 27,43 miliardi di dollari.

In seguito alla quotazione di Coinbase, trader e investitori si aspettano generalmente che il trend rialzista di Bitcoin e Ether continui il suo corso. Tuttavia, circolano anche alcune prospettive ribassiste nel breve termine dovute a vari fattori, come un potenziale scenario di “sell-the-news” e un mercato dei future surriscaldato.

La tesi rialzista per Bitcoin post-quotazione di Coinbase

Secondo Adam Cochran, partner presso Cinneamhain Ventures, teoricamente Bitcoin dovrebbe trovarsi a 70.000$ con l’avvicinarsi del listing di Coinbase. L’investitore ha affermato che il trend rialzista graduale di BTC è dovuto all’uso di una forte leva finanziaria nei future su Bitcoin, che provoca contrazioni notevoli quando il mercato dei derivati diventa surriscaldato.

Quando il mercato presenta una percentuale significativa di ordini d’acquisto o long con una leva elevata, il funding rate aumenta. Gli exchange di future su Bitcoin utilizzano questo meccanismo per raggiungere l’equilibrio nel mercato.

E quando il funding rate è positivo, i compratori devono compensare gli short-seller con una porzione delle loro posizioni. Dato che i compratori devono pagare i venditori ogni otto ore per mantenerle aperte, aprire posizioni long su Bitcoin diventa meno attraente, rendendolo vulnerabile a un crollo. Cochran ha twittato:

“È assurdo che $BTC raggiunga un ATH il giorno prima del listing di Coinbase, che inaugurerà 6 mesi di nuove implementazioni, aggiornamenti e adozione istituzionale con ETF, ecc… e non sembri *ANCORA* a livelli di mania e FOMO folli da 2017. Sembra semplicemente… sulla strada giusta?”

Proseguendo, ha aggiunto:

“L’unica ragione per cui BTC non è a 70.000$ è che i trader retail non sanno come usare la leva finanziaria senza essere annientati ad ogni massimo storico.”

Anche se il prezzo di Bitcoin è vicino al suo massimo storico, l’indice di forza relativa risulta inferiore rispetto al picco della bull run precedente nel 2017. Quando il prezzo di Bitcoin è precipitato bruscamente in un breve periodo, l’RSI indicava circa 95. Al momento, l’RSI si trova a 92, più in basso rispetto ai massimi dei rally del 2017, 2013 e 2011.

PlanB, il creatore del modello Stock-to-Flow (secondo cui Bitcoin raggiungerà probabilmente i 200.000$), ha spiegato che BTC dovrebbe arrivare a 92.000$ per raggiungere un RSI di 95. L’analista ha commentato: “Bitcoin appare forte a RSI 92.”

Il prezzo di Bitcoin sta tracciando un forte rally in vista della quotazione pubblica di Coinbase. Investitori e trader si aspettano generalmente che il mercato crypto continui la sua traiettoria rialzista in seguito al listing, spinto da un forte slancio. Tuttavia, alcuni credono che la quotazione delle azioni, con il ticker “COIN,” segnerà un massimo temporaneo per le criptovalute.

Anche i dati on-chain suggeriscono che Bitcoin si trova in una posizione favorevole per un rally più ampio. Elias Simos, protocol specialist di Bison Trails, ha segnalato che la quantità di Bitcoin in indirizzi contenenti tra 100 e 1.000 BTC ha raggiunto un massimo storico. Questo sviluppo indica che il numero di investitori ad alto patrimonio netto che possiedono Bitcoin è in aumento:

“L’offerta di $BTC in indirizzi che contengono tra 100 e 1.000 monete ha raggiunto un massimo storico! Questa crescita va a scapito della categoria inferiore (da 1 a 100) e superiore (da 1.000 a 10.000). Il rimescolamento continua senza tregua.”

Oltre ai punti di forza tecnici e fondamentali di Bitcoin in vista della quotazione pubblica di Coinbase, il sentiment generale sull’evento rimane estremamente positivo. Nic Carter, ricercatore e investitore in Bitcoin di lunga data, ha evidenziato che COIN sarà una delle quotazioni pubbliche più esplosive nella storia del mercato azionario statunitense:

“Mentre COIN si appresta ad essere la quotazione pubblica più esplosiva della storia, GBTC punta a GLD per conquistare il titolo di più grande commodity tracker, mentre BTC supera il valore della base monetaria della sterlina inglese. Prenditi un minuto per rendertene conto, poi torna al lavoro.”

Anche se una parte significativa dell’interesse deriva dal fatto che il mercato azionario sta per assistere al primo debutto di un grande exchange di criptovalute statunitense, le finanze di Coinbase hanno impressionato gli investitori nel mercato finanziario tradizionale. Anthony Pompliano, noto investitore in Bitcoin e co-fondatore di Morgan Creek Digital, ha fatto notare a inizio aprile che Coinbase ha generato più entrate nei 90 giorni precedenti che in tutto il 2020.

La tesi ribassista in seguito al listing di Coinbase

La principale tesi ribassista relativa al listing di Coinbase resta l’elevata probabilità di un calo “sell-the-news” nel mercato delle criptovalute. Inoltre, è possibile che i compratori si precipitino in COIN, vendendo potenzialmente nel processo Bitcoin, Ether e altre grandi criptovalute.

Mohit Sorout, partner presso Bitazu Capital, si è detto convinto che l’ultimo tratto del bull market di Bitcoin sia ormai vicino. Basandosi su trend storici, ha spiegato:

“A dire la verità, credo seriamente che ci troviamo nell’ultimo tratto di questo bull market di $BTC. Sia chiaro, potrebbe durare altre 2-3 settimane o anche di più. Il prezzo potrebbe raggiungere i 200.000$ se non oltre, chi lo sa. Non prendete decisioni importanti irrazionali in base al PnL non realizzato.”

Oltre alla possibilità di un picco in arrivo per il mercato crypto, il funding rate nel mercato dei future su Bitcoin presenta attualmente una media dello 0,11%. Considerando che funding rate di default per Bitcoin corrisponde allo 0,01%, il tasso corrente è 11 volte superiore. Di conseguenza, le probabilità di una correzione di reset rimangono relativamente alte.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews