lunedì, Giugno 14, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaVariante giapponese del Covid-19: cosa sappiamo?

Variante giapponese del Covid-19: cosa sappiamo?

Cosa sappiamo della variante giapponese del Covid?

Cosa sappiamo in merito alla variante giapponese del Covid? è più contagiosa? E come influenza l’efficacia dei vaccini?

Cosa sappiamo in merito alla variante giapponese del Covid? Sappiamo che la nuova mutazione è nota con il nome di E484K, e che è anche chiamata semplicemente “mutazione Eek”. Come tutte le altre varianti, anche quella giapponese desta comprensibilmente apprensione. Tuttavia – ammoniscono gli esperti – non è il caso di generare allarmismo.

Lo ha dichiarato anche il virologo Roberto Burioni, che durante una recente intervista avrebbe commentato:

Ormai domina il ‘varianterrorismo’: ogni variante del coronavirus che compare, si fa terrorismo.

In realtà, per quanto riguarda la mutazione giapponese del Covid, prove di una maggiore letalità o pericolosità al momento non ve ne sono. Bisognerà però condurre senza dubbio studi approfonditi che aiutino a comprendere gli effetti della variante sui vaccini e sulla salute dei pazienti. Dal canto suo, Burioni sembra essere molto fiducioso:

E’ normalissimo che un virus nuovo generi varianti, dobbiamo preoccuparci quando queste hanno caratteristiche che le rendono pericolose. La variante inglese, ormai dominante in Italia, è molto pericolosa perché è molto più contagiosa e anche più letale, causa malattia più grave.

Tuttavia, spiega l’esperto, “varianti in grado di superare l’immunità indotta dai migliori vaccini non ce ne sono“.

La variante giapponese del Covid preoccupa Tokyo

Intanto, in base ai dati riportati da Tokyo sembra che negli ospedali della capitale del Giappone il 70% dei pazienti Covid presenti questa mutazione. La nuova variante scoperta nei giorni scorsi preoccupa il Paese soprattutto in vista delle Olimpiadi di Tokyo 2021, la cui organizzazione era già stata posticipata lo scorso anno a causa della pandemia, e che – in base ai piani – dovrebbero avere luogo a partire dal 23 luglio 2021.

Al momento – lo ricordiamo – le varianti del Covid che impensieriscono maggiormente gli esperti sono quella inglese, la variante brasiliana e quella sudafricana. Nonostante ciò, in realtà di mutazioni ve ne sono moltissime altre, e tutte sono sotto attento esame da parte di esperti e ricercatori di tutto il mondo, il cui obiettivo è proprio quello di comprendere se e in che modo le nuove mutazioni del virus possono influenzare lo sviluppo o il decorso della malattia.

Per questa ragione, molte ricerche si concentrano proprio sull’efficacia delle vaccinazioni anti Covid, grazie alle quali anche il problema delle varianti potrà essere gestito in maniera più efficace.

via | Corriere, AdnKronos
Image by djedj from Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews