lunedì, Giugno 14, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieJohnson & Johnson in Italia: Speranza convoca Aifa dopo lo stop in...

Johnson & Johnson in Italia: Speranza convoca Aifa dopo lo stop in Usa

Occhi puntati anche in Italia su Johnson&Johnson dopo la richiesta di sospendere in via precauzionale nei siti federali l’uso del vaccino da parte Cdc (il più importante organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti) e Fda (l’ente governativo americano che regolamenta l’uso di farmaci e alimenti). E proprio le autorità sanitarie Usa parlano di problemi simili a AstraZeneca.

 

Dopo la sospensione negli Usa: come funziona il vaccino Johnson & Johnson

di

Daniele Banfi

13 Aprile 2021

Intanto in Italia è in corso una riunione al ministero della Salute sul caso J&J, presente anche l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa). La richiesta di Fda e dei Cdc di sospendere il vaccino arriva dopo alcuni casi di coagulazione e proprio nel giorno in cui in Italia sono attese le prime 184mila dosi. Ma nel frattempo Johnson&Johnson, che ha consegnato oggi le sue dosi di vaccino anti-Covid anche nel Vecchio Continente, precisa di aver deciso di “ritardare il lancio” del proprio siero in Europa “in un’ottica di trasparenza e in attesa delle valutazioni delle autorità sanitarie europee” spiegando di star “esaminando” con le autorità europee i sei casi di trombosi segnalati in seguito alla somministrazione del suo vaccino. “Stiamo collaborando a stretto contatto con gli esperti e le autorità sanitarie e sosteniamo fortemente una comunicazione trasparente ai professionisti della Sanità e ai cittadini”, si legge in una nota. “La sicurezza e il benessere delle persone che utilizzano i nostro prodotti sono la nostra priorità numero uno”, aggiunge il gruppo farmaceutico dicendo poi che l’azienda è “consapevole che sono state segnalate delle patologie estremamente rare in un piccolo gruppo di persone che hanno bassi livelli di piastrine in seguito all’utilizzo del nostro vaccino anti Covid-19”.

Dopo i casi AstraZeneca e J&J : cosa sono le trombosi e come si prevengono

di

Tina Simoniello

09 Aprile 2021

Mentre Alessio D’amato, assessore alla Sanità del Lazio, chiede che sul vaccino J&J “ci sia una decisione rapida, chiara, definitiva, senza tentennamenti e incertezze. Bisogna evitare di fare ciò che è stato fatto con il vaccino AstraZeneca”. E aggiunge: “Le autorità si pronuncino con una voce sola anche perché negli Usa si trovano in una situazione totalmente diversa avendo già somministrato alla popolazione milioni di dosi. Mi auguro che si mantenga un livello di razionalità e di pragmatismo, il rischio di una tempesta perfetta è molto alto”.

Johnson&Johnson, ex direttore dell’Ema Guido Rasi: “Non mi sembra i numeri giustifichino sospensione”

video “>

video /photo/2021/04/13/766284/766284-thumb-rep-1304_rasi_capital.jpg” width=”316″ height=”178″/>

Per Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di Microbiologia dell’Universita’ di Padova “non sorprendono” né i casi di trombosi che si sono verificati dopo la somministrazione del vaccino Johnson&Johnson, né la sospensione voluta dalla Fda e Cdc. Il siero della J&J funziona come quello di AstraZeneca, è ovvio quindi che possa dare gli stessi problemi”.

“L’importante ora”, sostiene Crisanti, “e’ che il governo rimoduli subito il piano vaccinale”.
Per il resto, “quello che sta accadendo è del tutto normale: i vaccini hanno una loro vita che si definisce meglio con l’aumentare del numero elle persone vaccinate. È un processo naturale”.

Coronavirus nel mondo, gli Usa assolvono Johnson & Johnson: “Nessun legame tra vaccino e trombosi”

09 Aprile 2021

Intanto a seguito della procedura di segnale condotta a livello europeo, l’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha emesso una nuova nota sul vaccino AstraZeneca per aggiornare gli operatori sanitari sui punti emersi dalla valutazione del vaccino. Gli elementi chiave sono che “una relazione causale tra la vaccinazione con Vaxzevria e l’insorgenza di trombosi in combinazione con trombocitopenia è considerata plausibile. Anche se tali reazioni avverse sono molto rare, hanno superato quanto atteso nella popolazione generale”. Ma in questa fase “non sono stati identificati fattori di rischio specifici”. In ogni caso, scrive l’Aifa, “gli operatori sanitari devono vigilare su segni e sintomi di tromboembolia e/o trombocitopenia e informare di conseguenza i vaccinati. L’uso di questo vaccino deve essere conforme alle raccomandazioni ufficiali nazionali”.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews