venerdì, Giugno 18, 2021
Disponibile su Google Play
HomeViaggiRotterdam, Anversa e Amburgo: megaporti e campioni di sostenibilità

Rotterdam, Anversa e Amburgo: megaporti e campioni di sostenibilità

Le tre porte d’Europa sono affacciate sul Mare del Nord, a poche centinaia di chilometri di distanza tra loro. Un quarto del traffico marittimo europeo passa da quei tre titanici varchi: l’olandese Rotterdam, la maggiore con 441 milioni di tonnellate di merci movimentate nel 2018; Anversa, principale fonte della ricchezza belga (212 milioni di tonnellate) e la tedesca Amburgo (118 milioni di tonnellate).

Le gru navali di Rotterdam, maggior porto europeo (Rotterdam Port-Kees Torn)

Fino a qualche decennio fa i tre giganti del mare del Nord erano tra i luoghi più inquinati d’Europa. Circondati da enormi impianti industriali e petrolchimici, riuscivano a violentare l’ambiente in ogni modo: dalle emissioni atmosferiche alla produzione di rifiuti, dagli scarichi nelle acque all’inquinamento acustico. Dagli anni Settanta si è fatta strada una sensibilità ecologica che – prima a piccoli passi, poi a grandi falcate – ha cambiato volto ai tre porti e alle tre grandi città che li abbracciano. Ormai diventati campioni di sostenibilità, i tre scali saranno destinati a tagliare nuovi traguardi nelle tecnologie verdi anche grazie alla “Sustainable and Smart Mobility Strategy”, varata dalla Ue il 9 dicembre.

Loading…

L’avveniristica skyline di Rotterdam vista dall’area del porto (Rotterdam Port-Leon Willems)

Rotterdam, regina dell’economia circolare

Situata per tre quarti sotto il livello per mare, abituata da sempre a lottare con le acque, rasa completamente al suolo dalla Luftwaffe tedesca nel 1940, Rotterdam ha fatto di resilienza e operosità le sue parole d’ordine. Ricostruita con mano futuristica tanto da meritarsi l’appellativo di “Manhattan sulla Mosa” e dotata dagli anni Cinquanta di un sistema di dighe che farebbe invidia a Venezia, la seconda città olandese è diventata il primo porto d’Europa (e fino al 2004 del mondo) non solo grazie alla sua straordinaria posizione geografica – affacciata sul Mare del Nord e intrecciata ai delta di Reno e Mosa – ma anche alla carica imprenditoriale dei “Rotterdammer”, incarnata dal motto locale «Niet lullen, maar poetsen», meno chiacchiere e più fatti.

Rotterdam movimenta ogni anno oltre 440 milioni di tonnellate di merci (Rotterdam Port-Eric Bakker)

È con questo spirito che il gigantesco scalo – profondo 40 chilometri, con distese di container che si perdono all’orizzonte e foreste di gru navali, e che dà lavoro a 385mila persone – vuole diventare il laboratorio mondiale di innovazione nell’economia circolare. Nonostante l’aumento del traffico, nel biennio 2018/19 il polo industriale portuale ha abbattuto le emissioni del 13,6% (4,2 milioni di tonnellate). Dal 2005 al 2018 le sole raffinerie hanno ridotto del 20% la CO2, a fronte di un aumento della produzione del 4%.

Il porto olandese punta a diventare un hub internazionale per la produzione di idrogeno (Rotterdam Port-Eric Bakker)

«Abbiamo previsto tre fasi per la nostra rivoluzione green – spiega Sjaak Poppe, portavoce del Porto di Rotterdam per la transizione energetica -: adeguamento delle infrastrutture, transizione energetica e passaggio completo a un’economia circolare. Il primo step prevede la costruzione di una fitta rete di speciali tubature per connettere tutti gli impianti industriali dell’area tra loro e con il Mare del Nord, dove verrà stoccata la CO2 “catturata” durante i processi produttivi. Le condotte serviranno anche a utilizzare il calore prodotto dall’industria per riscaldare le abitazioni. La seconda fase punta a fare di Rotterdam un hub internazionale per la produzione e il trasporto di idrogeno, ottenuto grazie all’energia pulita prodotta dagli impianti eolici in costruzione nel Mare del Nord, oltre che importata. Il terzo stadio è quello dell’economia circolare vera e propria: un ecosistema in cui trasformeremo ogni tipo di scarto industriale (calore, vapore, rifiuti, CO2) in energia, carburanti green o materie prime».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews