C’è un incremento di casi di Coronavirus in alcuni Stati degli Usa: il Michigan, ad esempio, sconsiglia i pasti al ristorante, che però continuano a operare secondo le normative in vigore.

Non si tratta infatti di veri e propri divieti, ma più di raccomandazioni: “Dopo un anno, sappiamo tutti come funziona e questo deve essere uno sforzo di squadra. Dobbiamo farlo insieme. Le vite dipendono da questo”, ha detto la governatrice del Michigan Gretchen Whitmer, esortando le scuole superiori a interrompere temporaneamente l’apprendimento in presenza e i residenti a limitare le loro attività, oltre appunto a sconsigliare di andare al ristorante.

Una nuova ondata di casi di Covid-19 sta infatti travolgendo il sistema sanitario pubblico dello stato. Ma la scelta è quella di non dare più “ordini, mandati o regole”, lasciando al buon senso collettivo le scelte migliori. I ristoranti continuano dunque la loro attività secondo le regole, eppure le istituzioni pubbliche sconsigliano di frequentarli: una situazione che, vista con occhi italiani, è paradossale.

Ma ci sono culture – come quella americana – che tradizionalmente mettono al primo posto le libertà personali e credono molto – a torto o a ragione – nel principio dell’autodeterminazione. La govenatrice del Michigan ha poi fatto appello all’amministrazione Biden perché mandi per più vaccini Johnson & Johnson a iniezione singola per combattere il picco di casi nello Stato.

[Fonte: CNBC]