lunedì, Giugno 14, 2021
Disponibile su Google Play
HomeScienzaIsolati per perdere la cognizione del tempo

Isolati per perdere la cognizione del tempo

Da un paio di settimane ci sono 15 persone che (volontariamente!) sono chiuse nella caverna di Lombrives, sul versante francese dei Pirenei. Al buio. Senza mezzi di comunicazione con l’esterno. Senza orologi. E senza corrente elettrica, ma solo con una dinamo per produrre energia elettrica a pedali. Rimarranno laggiù per un totale di 40 giorni. E tutto per amore della scienza

Osservati speciali. I 15 volontari, 8 uomini e 7 donne, si sono offerti per partecipare a uno degli esperimenti di isolamento estremo più spinti di sempre. Deep Time, questo il nome del progetto, vuole indagare, in particolare gli effetti della totale perdita di cognizione del tempo sul cervello e sul fisico umano, ma anche tempi e modi con cui l’organismo può riuscire ad adattarsi, se mai ci riuscirà, a un ambiente del tutto diverso da quello abituale, completamente buio ed estremamente umido. I partecipanti al test, di età compresa tra i 27 e i 50 anni, indossano diversi sensori che comunicano i loro parametri vitali ai ricercatori in tempo reale.

La preparazione alla missione è stata lunga e complessa: i partecipanti, dopo aver superato diverse prove fisiche e psicologiche, hanno dovuto anche imparare i rudimenti della speleologia e l’utilizzo di corde, imbraghi e moschettoni per muoversi in sicurezza in un ambiente comunque ostile.

Christian Clot, leader della spedizione, riesce periodicamente ad inviare dei messaggi, rigorosamente unidirezionali cioè senza ricevere alcuna risposta, al team di ricercatori all’esterno della grotta. Racconta che, in assenza di orologi, le giornate sono scandite in cicli di sonno e veglia. 

Alcuni aggiornamenti vengono anche pubblicati sul suo profilo Facebook, dove è possibile seguire in parte ciò che succede nella grotta.

 

A che cosa serve? Questo esperimento è il primo nel suo genere: tutti quelli effettuati fino ad ora si sono focalizzati sullo studio dei ritmi fisiologici del corpo umano, ma nessuno aveva mai provato ad osservare una totale rottura della percezione temporale e delle funzioni emotive sul comportamento.

I risultati di questo esperimento saranno utili per migliorare le condizioni di vita delle persone che per lavoro o altre esigenze sono costretta a passare lunghi periodi in isolamento: dagli equipaggi dei sommergibili agli astronauti che affronteranno i prossimi viaggi verso Marte. 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews