domenica, Giugno 13, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutaLedger affronterà una class action intentata dalle vittime dell'attacco hacker dello scorso...

Ledger affronterà una class action intentata dalle vittime dell’attacco hacker dello scorso anno

Ledger e Shopify sono stati colpiti da un’azione legale collettiva relativa alla fuga di dati che, tra aprile e giugno 2020, ha causato il furto delle informazioni personali di 270.000 clienti dell’hardware wallet.

Martedì, John Chu e Edward Baton, vittime di truffe phishing, hanno intentato la causa in California contro il fornitore di wallet crypto e il suo partner e-commerce Shopify.

I querelanti sostengono che le società avrebbero “consentito negligentemente, ignorato incautamente e cercato di nascondere intenzionalmente” la fuga di dati. L’incidente si è verificato quando degli impiegati di Shopify sono entrati nel database di e-commerce e marketing della compagnia per Ledger, per poi vendere i dati sul dark web.

“Se Ledger avesse agito responsabilmente durante questo periodo, buona parte di questa perdita avrebbe potuto essere evitata,” affermano.

Chu e Baton mirano a ottenere il risarcimento dei danni causati dalla violazione, richiedendo “tutta la compensazione consentita dalla legge, inclusi provvedimenti ingiuntivi.” Chu ha perso 267.000$ in Bitcoin (BTC) e Ether (ETH), mentre Baton ha 75.000$ in Stellar (XLM) a causa di truffe phishing camuffate da corrispondenza delle due società.

I dati, tra cui nomi completi, indirizzi email, numeri di telefono e indirizzi di spedizione, sono stati pubblicati a fine dicembre sul sito web RaidForums. L’azione legale accusa Ledger in particolare di non aver “informato individualmente ogni cliente colpito o ammesso la piena portata della fuga.”

“La negligenza di Ledger e Shopify ha reso i clienti di Ledger bersagli: le loro identità sono note o disponibili a ogni hacker del mondo. La reazione costantemente insufficiente di Ledger ha aggravato i danni, omettendo di avvisare individualmente ogni cliente colpito o riconoscere la piena portata della fuga.”

Sebbene sia ancora da dimostrare se inizialmente la società fosse consapevole dell’entità dei danni, a luglio 2020 ha pubblicato un blog post indicando che l’incidente era limitato ai dati di 9.500 utenti.

Ledger ha riconosciuto completamente la fuga di dati il 13 gennaio, confermando che l’accesso al database dei suoi utenti era stato il risultato dell’hack ai danni di Shopify. Inoltre, l’azienda ha annunciato cambiamenti alle misure di archiviazione dei dati e di comunicazione con i clienti, oltre a offrire una taglia da 10 BTC per informazioni utili all’arresto degli hacker.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews