lunedì, Giugno 21, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturauno smartwatch misura la fragilità nei pazienti

uno smartwatch misura la fragilità nei pazienti

Malattie cardiovascolari: uno smartwatch può misurare la fragilità nei pazienti

Grazie a uno smartwatch potremmo misurare la fragilità nei pazienti con malattie cardiovascolari: lo rivela questo nuovo studio

Uno smartwatch potrebbe aiutare a misurare i livelli di fragilità nelle persone con malattie cardiovascolari, facilitando così il monitoraggio dello stato di salute dei pazienti. La scoperta arriva da un nuovo studio condotto dai membri della Stanford University, secondo cui l’utilizzo degli smartwatch potrebbe fornire risultati accurati quasi quanto quelli ottenuti con il monitoraggio in ospedale.

In particolar modo, gli autori hanno valutato il livello di fragilità di un campione di 110 persone con disturbi al cuore. I partecipanti attendevano di ricevere degli interventi vascolari o cardiaci.

Con il termine “fragilità” si intende la difficoltà con cui un paziente riesce a percorrere una determinata distanza camminando a piedi. Per la loro valutazione, gli autori hanno chiesto ai partecipanti di eseguire il cosiddetto ‘test dei sei minuti‘. Durante questo breve lasso di tempo i volontari avrebbero dovuto percorrere quanta più strada possibile.

I test sono stati condotti per un periodo di 6 mesi sia in ospedale che a casa (con l’utilizzo di uno smartwatch Apple e di un’apposita applicazione). Ebbene, a quanto sembra non sarebbero emerse delle differenze significative nella misurazione dei livelli di fragilità dei partecipanti. Nello specifico, i test in ospedale hanno fornito un livello di specificità dell’85% e un livello di sensibilità del 90%. L’utilizzo dello smartwatch ha invece permesso di ottenere livelli di specificità pari al 60%, ma la sensibilità era dell’83%.

Con il termine “specificità” si indica la capacità di individuare i soggetti sani. Il termine “sensibilità” indica invece la capacità di identificare i soggetti malati e più fragili.

Malattie cardiovascolari: verso il monitoraggio da remoto?

Insomma, a quanto sembra un iPhone e un Apple Watch potrebbero permettere di valutare la salute e la fragilità dei pazienti con malattie cardiovascolari direttamente da casa, attraverso il cosiddetto “monitoraggio da remoto”.

Mentre i vantaggi della telemedicina e del monitoraggio remoto – convenienza, basso costo, migliore qualità dei dati – sono ben noti da tempo, la pandemia di Covid-19 ha reso l’implementazione più rapida un imperativo per la sicurezza.

Lo studio è apparso nelle scorse settimane sulla rivista Plos One.

via | Mobihealthnews.com
Foto di ErikaWittlieb da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews