giovedì, Agosto 5, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieL'ambasciatore di Myanmar in Gran Bretagna sfrattato dall'addetto militare: "Golpe nel cuore...

L’ambasciatore di Myanmar in Gran Bretagna sfrattato dall’addetto militare: “Golpe nel cuore di Londra”

LONDRA. Dopo il golpe di febbraio in Myanmar, un minigolpe a Mayfair, il cuore della capitale britannica. L’ambasciatore di Naypyidaw nel Regno Unito, Kyaw Zwar Minn, è stato praticamente cacciato fuori dalla propria ambasciata, con un’azione di forza organizzata dall’addetto militare. Ha pagato così il sostegno offerto a Aung San Suu Kyi, la premio Nobel per la pace e leader de facto della nazione asiatica con il titolo di Consigliere di Stato, destituita e messa due mesi fa agli arresti domiciliari.

“Ho dovuto passare la notte in macchina. E’ stato una specie di golpe”, ha raccontato il diplomatico ai giornalisti, tanto le cose si sono svolte in fretta: l’ambasciata era anche casa sua e non sapeva dove andare a dormire. Questa mattina l’ambasciatore sembrava convinto di poter riottenere la sede diplomatica e l’incarico, ma un colloquio all’ora di pranzo con il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab dovrebbe avergli fatto cambiare idea. Un portavoce del Foreign Office ha reso noto che il governo di Myanmar ha comunicato la sostituzione di Kyaw Zwar Minn con il suo vice ed è prerogativa di ogni paese, più o meno democratico, scegliere i propri rappresentanti. Raab ha espresso all’ormai ex-ambasciatore la propria solidarietà e ha protestato per i metodi da “bullismo” usati nei suoi confronti, ma non può fare niente: anzi è suo dovere proteggere l’ambasciata da ogni possibile tentativo di intrusione.

Londra, l’ambasciatore di Myanmar “sfrattato” dalla sua sede: “Rientrare in patria? Volete che mi uccidano?”

video “>

video /photo/2021/04/08/765449/765449-thumb-rep-080421_myanmar_londra_ambasciato.jpg” width=”316″ height=”178″/>

Interrogato dai giornalisti davanti all’ambasciata, Kyaw Zwar Minn ha detto di non avere ancora deciso se chiederà asilo politico nel Regno Unito, ma ha lasciato capire di temere per la propria sorte se dovesse rientrare in patria. I dimostranti che da settimane manifestano in nome di San Suu Kyi davanti alla sede diplomatica nel centro di Londra hanno ora un motivo in più per protestare. 

 

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews