domenica, Aprile 11, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossipil giallo è risolto? La conferma questo pomeriggio in tv

il giallo è risolto? La conferma questo pomeriggio in tv

Olesya Rostova non sarebbe Denise Pipitone. La conferma ufficiale arriverà alle 18 e 45, nella trasmissione della tv russa, Lasciali parlare, che si occupa del caso e che dovrebbe rivelare gli esiti delle analisi del sangue. Ai familiari della bimba scomparsa a Mazara del Vallo nel 2004 dovrebbe arrivare la stessa risposta che ha già avuto la prima famiglia, russa, che ha già fatto l’intera trafila proposta dalla tv russa in un reality che, per molti, specula sul dolore di chi ha un figlio scomparso.

Nonostante la notevole somiglianza fra la ragazza che cerca la madre e Piera Maggio, mamma di Denise, non ci sarebbero conferme scientifiche. Sia Fanpage sia il sito Gossipetv.com riportano l’esito negativo dei test fatti.

Nei suoi racconti la ragazza non ha mai nominato l’Italia, ha ricordato una chiesa, uno zaino, i nomadi con cui chiedeva l’elemosina prima di essere portata in orfanotrofio. Ha anche detto di avere «sulla pancia, dalla parte sinistra, ho una voglia fin dalla nascita e forse qualcuno può averla vista». Il conduttore della trasmissione però l’ha subito bloccata. Era un particolare che non andava rivelato secondo il tira e molla del reality che svela le cose di puntata in puntata come se fosse un gioco e non vera ricerca di persone scomparse.

L’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, ha confermato di aver ricevuto i documenti che chiedeva e ha registrato il suo intervento nella trasmissione. «Ho depositato alla Procura di Marsala la documentazione su Olesya, che mi è stata inviata ieri prima del collegamento con il primo canale della Tv russa. Il programma sarà trasmesso questa sera e, come ho già detto ieri, ho preso l’impegno a non rivelare prima l’esito degli esami del sangue che potrebbero eventualmente dimostrare la compatibilità con quelli di Denise».

Piera Maggio ha scritto su Facebook appena qualche ora fa di essere «cautamente speranzosa. La speranza di ritrovare e riabbracciare nostra figlia non è mai venuta a mancare. Attendiamo senza illuderci». Sono parole che la donna ha già usato il passato. Dal primo settembre del 2004, giorno della scomparsa, non ha mai smesso di cercare la figlia. Tutte le segnalazioni hanno però avuto esito negativo.

LEGGI ANCHE

Denise Pipitone, la famiglia si infuria: «Prima i risultati del Dna poi la diretta»

LEGGI ANCHE

Caso Pipitone: Olesya Rostova non è figlia di una famiglia russa. «La partita rimane aperta»

LEGGI ANCHE

Denise Pipitone è in Russia? Piera Maggio: «Speranzosi, ma senza illuderci»

LEGGI ANCHE

Non solo Emanuela Orlandi, sono più di 61mila le persone scomparse in Italia

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews