mercoledì, Agosto 4, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareBresaola Valtellina Igp, produzione in calo del 9%, ma più vendite in...

Bresaola Valtellina Igp, produzione in calo del 9%, ma più vendite in vaschetta

Il 2020 è stato un anno complicato anche per una eccellenza italiana come la Bresaola della Valtellina Igp. La produzione complessiva riferita alle 16 aziende certificate si è attestata nel 2020 a 12.607 tonnellate (-8,8% sul 2019). Un bilancio in perdita che però secondo il Consorzio di tutela, contiene anche «numeri importanti e segnali di ripresa».

La produzione riferita alle aziende associate costituisce la quasi totalità della produzione di Bresaola della Valtellina Igp certificata dall’Organismo di controllo Csqa. In totale, sono state avviate alla produzione poco più di 35mila tonnellate di materia prima. Sul fronte consumi, «in graduale espansione da 20 anni, il comparto ha segnato un valore di 454 milioni di euro (-7,6%) con un impatto sulla provincia di Sondrio di 214 milioni di euro (-8,8%) per un settore che conta 1.400 occupati».

Loading…

Secondo l’analisi del Consorzio, alla base della riduzione dei volumi c’è anche la limitazione del banco taglio, per limitare i contatti ravvicinati, mentre l’acquisto del prodotto in vaschetta, già predominante negli anni precedenti, è cresciuto del 2,3% con 6.090 tonnellate, cioè il 50% della produzione totale.

Nella distribuzione, la Gdo si conferma il principale canale di vendita. L’export rappresenta il 7% della produzione, con un valore di 18,5 miliardi milioni e pari a 882 tonnellate di Bresaola della Valtellina Igp, un dato significativo anche se in calo oggettivo causa pandemia rispetto al 2019 (-29%), di cui il 72% nei Paesi Ue e il 28% nei Paesi extra

«Il 2020 non è stato un anno semplice – commenta Franco Moro, presidente del Consorzio di tutela Bresaola della Valtellina –. Tra le cause ovvie, c’è soprattutto l’importante riduzione dei consumi fuori casa e più in generale le mutate abitudini del consumatore che, a causa dell’impatto significativo che l’emergenza ha avuto a livello economico e di reddito, ha optato per altre scelte d’acquisto e per altre referenze di salumi dal prezzo medio più basso. Ma siamo tenaci e positivi, guardiamo al futuro con ottimismo e con la volontà di far ripartire il settore, nonostante le difficoltà legate agli elevati e variabili costi della materia prima bovina».

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews