lunedì, Luglio 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturachi soffre di allergie corre meno rischi?

chi soffre di allergie corre meno rischi?

Contagio Covid: chi soffre di allergie corre meno rischi?

Contagio Covid: rischi ridotti per chi soffre di allergie? Ecco cosa spiega l’esperto e quali sintomi dovete tenere sotto controllo

Chi soffre di allergie corre un minor rischio di contagio da Covid 19. Lo rivela Giorgio Walter Canonica, membro dell’Istituto clinico Humanitas di Milano, secondo cui le persone che soffrono di allergia potrebbero essere meno sensibili al Sars-Cov-2. Tuttavia – sottolinea l’esperto – ciò non vuol dire che si possa abbassare la guardia. Anche le persone allergiche devono continuare a indossare la mascherina, mantenere un’adeguata distanza di sicurezza dalle altre persone e sottoporsi al vaccino anti Covid.

Ma a cosa potrebbe essere dovuto l’effetto “protettivo” dell’allergia contro il pericolo di contagio?

Il meccanismo immunologico che determina l’allergia ha un effetto di diminuzione dei recettori per il coronavirus sulle cellule delle mucose respiratorie,

spiega Canonica, ricordando che proprio l’uso delle mascherine si è tra l’altro rivelato molto utile non solo per ridurre il rischio di contagio da Covid, ma anche per fungere da “barriera meccanica”, permettendo così di inalare una minore quantità di pollini quando ci troviamo all’aperto.

Contagio Covid: rischi ridotti per chi soffre di allergia

Insomma, a quanto sembra chi soffre di allergia potrebbe correre meno rischi di contagio da Sars-Cov-2.

Il consiglio di Canonica è naturalmente quello di sottoporsi alle necessarie cure contro l’allergia, anche in tempi di pandemia. Inoltre, sarà comunque importante consultare il proprio medico se oltre ai sintomi dell’allergia doveste avvertire altri disturbi, come ad esempio l’assenza di gusto e olfatto, tosse secca, febbre, stanchezza eccessiva e difficoltà respiratorie.

Infine, l’esperto ricorda che sebbene le mascherine abbiano in qualche modo ridotto gli attacchi di allergia nella popolazione, la permanenza prolungata in ambienti chiusi (dovuta ai lockdown e alle limitazioni nella circolazione) potrebbe esporci a polveri, umidità, acari e muffe dentro le nostre case. Tutto ciò, potrebbe scatenare delle spiacevoli reazioni allergiche.

Negli ultimi anni abbiamo osservato un incremento delle allergie al chiuso, in parte ascrivibile alla convivenza con alcuni animali domestici che possono indurre alla rinite allergica.

In tal caso, l’esperto rinnova il consiglio di rivolgersi al medico e di seguire la corretta terapia antiallergica per alleviare i sintomi.

via | Ansa
Foto di cenczi da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews