sabato, Luglio 24, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaPrevenzione del melanoma in età pediatrica

Prevenzione del melanoma in età pediatrica

Prevenzione del melanoma in età pediatrica: il consiglio degli esperti

Prevenzione del melanoma in età pediatrica, ecco quali sono i suggerimenti dell’esperto per quello che riguarda il tumore della pelle.

Perché è importante la prevenzione del melanoma già in età pediatrica? Stiamo parlando di un tumore della pelle che in Italia è al terzo posto per incidenza in pazienti con meno di 50 anni. Ne esistono diverse forme: ci sono i melanomi a diffusione superficiale, nodulare, acrale lentigginoso e di tipo lentigo maligna. Può manifestarsi sulla pelle che all’apparenza sembra sana. Occhi puntati sui nei già esistenti che cambiano forma o diventano più grandi.

Ignazio Stanganelli, responsabile Skin Cancer Unit dell’Istituto Romagnolo per lo studio dei Tumori ‘Dino Amadori’ e professore associato dell’Università di Parma, in un’intervista ad alleati per la Salute, portale di informazione medico scientifica di Novartis, spiega quando la prevenzione primaria sia essenziale. A partire dall’infanzia.

Sin dalla tenera età infatti, occorre adottare comportamenti adeguati durante l’esposizione solare perché altrimenti può contribuire allo sviluppo di un melanoma.

Tumore della pelle, rischi maggiori per chi è nato in Primavera

Come fare prevenzione del melanoma in età pediatrica

L’esperto dà utili consigli per riconoscere un neo anomalo che ci deve insospettire. Se questa macchia scura sulla pelle è irregolare e non ha colori omogenei, forse si può parlare di nevo diverso, che non ha nulla a che vedere con le altre lesioni pigmentate che magari sono presenti sul corpo. Riconoscere queste macchie anomale è fondamentale, perché con una diagnosi precoce si può iniziare prima il trattamento, che risulterà più efficace.

Il medico sottolinea che sono almeno cinque le specifiche che bisogna tenere a mente e che corrispondono alle prime cinque lettere dell’alfabeto, ABCDE:

  • A come asimmetria
  • B come bordi irregolari
  • C come colore disomogeneo o nero
  • D come dimensioni superiori ai 6 millimetri
  • E come evoluzione, con modifiche sia nelle dimensioni sia nell’aspetto, anche con una certa velocità

Questi criteri rappresentano importanti strumenti anche per effettuare un auto-esame ed eventualmente a richiedere il parere del proprio medico, che potrebbe indirizzare verso una visita specialistica da un dermatologo.

Foto di 자유 천지 da Pixabay

Via | Adnkronos

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews