mercoledì, Agosto 4, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossipFemmes, i volti delle donne ospitate dal Parlamento europeo

Femmes, i volti delle donne ospitate dal Parlamento europeo

Dal 1 maggio al 31 agosto, l’edificio Helmut Khol del Parlamento europeo, in risposta alla pandemia ha ospitato più di 279 donne senzatetto in un centro di emergenza aperto dall’ong Samusocial di Bruxelles. Da questa iniziativa è nata Femmes, la mostra che racconta le storie di quindici delle donne ospitate, attraverso gli scatti del fotografo Gael Turine e le testimonianze raccolte dalla giornalista Anne-Cécile Huwart.

Quando gli uffici del Parlamento europeo nelle tre sedi di lavoro Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo sono rimasti vuoti, a causa della pandemia che ha costretto i funzionari a lavorare da casa in modalità smart working, quelle stanze sono state messe a disposizione di donne costrette a vivere in strada fino a quel momento.

Madri, donne sole, in fuga da violenza e povertà. A tutte è stato offerto un tetto e un pasto caldo. Tra loro, sono 64 quelle che oggi hanno lasciato del tutto la strada e vivono in strutture sicure.

LEGGI ANCHE

«In the light of you», quanto è difficile guardarsi negli occhi?

«Allo scoppiare della pandemia, la prima risposta del Parlamento europeo è stata quella di continuare ad assicurare le funzioni legislative, di bilancio e di scrutinio» ha spiegato ad Europa Today Federico De Girolamo, coordinatore editoriale dell’ufficio stampa dell’Eurocamera.

«Assieme alle altre istituzioni Ue, i deputati hanno reagito per creare una risposta europea alla pandemia. Però il Parlamento europeo è anche un’istituzione che vive il luogo in cui ha la sede e dunque per iniziativa del Parlamento e del suo presidente, David Sassoli, abbiamo contattato le autorità locali delle tre sedi di lavoro (Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo, ndr) per offrire il nostro sostegno e affrontare le conseguenze sociali ed economiche della crisi sulla popolazione». Un’iniziativa importante che ha ridato speranza a molte donne, le più colpite dalla pandemia.

Attualmente, a causa della crisi sanitaria, il Parlamento non può accogliere visitatori. La nostra mostra è quindi temporaneamente chiusa e riprenderà a luglio per quattro mesi.

LEGGI ANCHE

Silenzio: il progetto che racconta la scuola ai tempi del Covid

LEGGI ANCHE

World Press Photo 2021, due italiani tra i finalisti

 

 
 
 
 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews