giovedì, Agosto 5, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaCovid, la pandemia causa la “fame di pelle”

Covid, la pandemia causa la “fame di pelle”

Covid, la pandemia causa la “fame di pelle”

Covid, la pandemia causa la “fame di pelle”: la mancanza di contatto fisico genera disturbi dell’umore come ansia e stress.

Cos’è la “fame di pelle” e come viene scatenata dal Covid o, meglio, dalla pandemia? Pasqua e Pasquetta sono appena passate e la maggior parte degli italiani (e non solo) le ha trascorse senza poter contare su un abbraccio, su un bacio o anche solo su una semplice stretta di mano di auguri. Una giornata di solitudine, insomma, della quale molti oramai, a distanza di più di un anno, iniziano a risentire. Questo è quello che può essere definito, appunto, “fame di pelle”. Fame di un gesto di affetto fisico, di una carezza, di una pacca sulla spalla da parte di chi amiamo. Tutto ciò, secondo gli esperti, scatena delle ripercussioni non certo positive sul benessere psichico.

Covid, la pandemia causa la “fame di pelle”

Fame di pelle da pandemia, gli studi

Ripercussioni che iniziano a diventare oggetto di studio da parte degli psichiatri. Tanti di noi, del resto, lo avranno sperimentato più volte nel corso degli ultimi lunghi mesi. Come affermano, difatti, Massimo di Giannatonio ed Enrico Zanalda, co-presidenti della Società Italiana di Psichiatria (SIP):

“Il contatto fisico è rassicurante, perché è la modalità più arcaica per farci sentire al sicuro. Inoltre il senso di sicurezza e di appagamento che provoca, innesca modificazioni neurochimiche positive come l’aumento della produzione di ossitocina, l’ormone dell’attaccamento che ha un effetto ‘tranquillizzante.’”

Tale mancanza di affetto ha iniziato a generare disturbi dell’umore tra ansia, stress e depressione. Disturbi che sono documentati in uno studio in via di pubblicazione condotto da Tiffany Field della Università di Miami in Florida. Ed in un altro lavoro appena pubblicato sulla rivista Social Psychiatry and Psychiatric Epidemiology, che ha posto in evidenza come i livelli di depressione e solitudine durante la prima ondata di Covid-19 siano aumentati. Non, però, in chi è riuscito a poter continuare a goderne.

Se le restrizioni sociali sono ancora fondamentali per poter venire fuori dalla pandemia, Giannantonio e Zanalda sottolineano come esistano accorgimenti che possiamo adottare per supplire alla carenza di contatto fisico. Piccoli gesti che possono scatenare in noi sensazioni piacevoli come, ad esempio un bagno caldo o l’accarezzare stoffe morbide come la seta. A conclusione del loro intervento gli psichiatri consigliano, laddove possibile, di ricercare il contatto fisico con i familiari conviventi.

Via | Ansa

Photo | Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews