mercoledì, Agosto 4, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCriptovalutasono certo che arriveranno nuove normative su Bitcoin

sono certo che arriveranno nuove normative su Bitcoin

Jay Clayton, ex presidente della SEC statunitense, ha affermato che per molto tempo Bitcoin non è stato considerato un security token. Ma durante una recente intervista sul programma Squawk Box della CNBC, Clayton ha avvisato che lo status di non-security di BTC non lo protegge dall’imposizione di nuove normative, le quali potrebbero arrivare presto.

“Where digital assets land at the end of the day–will be driven in part by regulation both domestic and international, and I expect that regulation will come in this area both directly and indirectly,” says Former SEC Chairman Jay Clayton on #bitcoin. pic.twitter.com/voWcgCFqOH

— Squawk Box (@SquawkCNBC) April 1, 2021

Il presentatore Andrew Ross Sorkin ha evidenziato che, sotto la guida di Clayton, la SEC non ha preso alcuna posizione sulla regolamentazione di Bitcoin. L’ex presidente ha risposto che il motivo era riconducibile al fatto che l’asset non era considerato una security già prima ancora che lui diventasse capo della SEC:

“Si è deciso che Bitcoin non fosse una security prima che assumessi tale ruolo alla SEC. Pertanto, la SEC non poteva regolare Bitcoin in maniera diretta.”

In seguito alle sue dimissioni dalla SEC a dicembre 2020, Clayton è comunque rimasto nel settore e attualmente ricopre un ruolo legato alle crypto all’interno del comitato consultivo di One River Asset Management.

Sebbene dichiari di non sapere con certezza quali normative stiano per essere introdotte, ritiene che il quadro normativo abbia bisogno di una scossa:

“La direzione del settore crypto sarà in parte guidata dalle normative, sia nazionali che internazionali. In quanto privato cittadino, mi aspetto che queste arriveranno in modo sia diretto che indiretto: dipenderanno dal modo in cui le criptovalute saranno detenute dalle banche, dai conti sicurezza, dalla tassazione e via discorrendo. Vedremo il quadro normativo evolversi.”

Le dichiarazioni di Clayton arrivano solo una settimana dopo che Ray Dalio, miliardario manager di hedge fund, ha avvisato che gli Stati Uniti potrebbero vietare Bitcoin proprio come accadde con l’oro nel 1930.

I suoi commenti sullo status di Bitcoin come non-security sono interessanti anche dal punto di vista della causa in corso tra Ripple e la SEC: l’azienda si chiede infatti perché, a differenza di Bitcoin ed Ethereum, XRP sia considerato un titolo. La SEC ha spiegato che la distinzione sta nel fatto che il potere decisionale di XRP è centralizzato.

Marc Powers, ex avvocato della SEC, ritiene tuttavia che l’agenzia governativa stia operando al di fuori della propria area di competenza nella propria battaglia contro Ripple e i suoi dirigenti.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews