mercoledì, Agosto 4, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieGiordania, tentato golpe: il principe Hamza si rifiuta di ubbidire al re

Giordania, tentato golpe: il principe Hamza si rifiuta di ubbidire al re

AMMAN – L’ex principe ereditario Hamza ha detto che non obbedirà agli ordini relativi alle restrizioni che gli sono state imposte dal capo di Stato Maggiore dell’esercito giordano, generale Youssef Huneiti: “Certamente non obbedirò relativamente al divieto di uscire di casa, di scrivere su Twitter, di comunicare con le persone”, afferma Hamza in un audio diffuso du Twitter.

Complotto a corte, la Giordania accusa il fratellastro del re

di

Francesca Caferri

03 Aprile 2021

In un audio diffuso da Middle east eye, Hamza dice: “È una situazione difficile, sono state richiamate tutte le mie guardie, il capo delle Forze armate giordane, il generale Yousef Huneiiti è venuto a casa mia a minacciarmi. Ho registrato quello che ha detto, l’ho distribuito alla mia famiglia ed ai miei amici fuori dalla Giordania per tutelarmi”. E aggiunge: “Aspetto di vedere quello che faranno, non farò alcuna mossa immediata, ma certamente non obbedirò ai loro ordini”.

Gli Stati Uniti si sono schierati rapidamente con Abdullah, stretto alleato occidentale nella regione instabile. Le autorità giordane hanno dichiarato domenica di aver sventato un “complotto maligno” di Hamzah per destabilizzare il regno con il sostegno straniero. Il principe ha negato di aver preso parte a qualsiasi complotto e ha affermato di essere stato preso di mira per aver parlato contro la corruzione e il malgoverno.

Tentato golpe in Giordania: “Il principe Hamza ha complottato con stranieri e oppositori”

04 Aprile 2021

Le critiche senza precedenti del principe Hamzah nei confronti della classe dominante – senza nominare il re – potrebbero dare sostegno alle crescenti lamentele sul cattivo governo e sulle violazioni dei diritti umani in Giordania. Abdullah e Hamzah sono entrambi figli del defunto re Hussein, che rimane una figura amata due decenni dopo la sua morte. Dopo essere salito al trono nel 1999, Abdullah ha nominato Hamza principe ereditario, per poi revocargli il titolo cinque anni dopo. Mentre si dice che i due abbiano generalmente buoni rapporti, Hamza a volte si è pronunciato contro le politiche del governo e più recentemente ha stretto legami con potenti leader tribali in una mossa vista come una minaccia per il re.

 

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews