mercoledì, Agosto 4, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossipFranciacorta, le bollicine sempre più green

Franciacorta, le bollicine sempre più green

Anche con un brindisi si può fare la differenza per l’ambiente: ci sono viticoltori che si adoperano con metodi di coltivazione che rispettano la  natura guardando al futuro. Tra questi i produttori di Franciacorta sono un esempio che il mondo ci invidia: non solo per la qualità del loro loro vino, il primo in Italia prodotto con il metodo della rifermentazione in bottiglia ad aver ottenuto la Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG), ma anche per l’impegno che profondono nel proteggere il territorio in cui nasce.

Cuore della Lombardia, a due passi da Milano, la Franciacorta comprende 19 comuni della provincia di Brescia intorno al lago d’Iseo incorniciati dalle colline, a un passo dalle Alpi: una zona di grande bellezza, con un microclima ideale e terreni estremamente ricchi di minerali dove la coltivazione della vite è una costante sin dall’epoca Romana.

Una ricchezza unica al mondo che il Consorzio Franciacorta, con i suoi produttori, sta preservando facendo della sostenibilità ambientale il suo principio guida: oggi la Franciacorta è la denominazione con la percentuale più alta di vigneti in biologico (oltre i 2/3 delle sue 117 cantine), e coltivare rispettando la natura è solo l’inizio di un percorso lungimirante e articolato. «Il nostro non è solo un percorso verso il biologico: il biologico è una parte importante, ma soprattutto un mezzo per raggiungere la biodiversità funzionale», dice Silvano Brescianini, presidente del Consorzio Franciacorta. «La biodiversità funzionale – continua il presidente – è la ricchezza dell’ecosistema del suolo, del terreno e delle forme viventi che lo abitano, dalle muffe ai lombrichi. Più è ricco il suolo, più è fertile, e più l’ambiente è in salute: così ne guadagniamo noi stessi ma anche il vino perché la differenza, più che in ogni altro prodotto agricolo, nel vino la fa proprio il suolo. È un modello di sviluppo in cui crediamo fortemente: dalla ricchezza della biodiversità comincia la nostra idea di futuro».

Per questo i produttori del Consorzio hanno avviato diverse iniziative: per esempio, da anni portano avanti studi tra i terreni dei loro vigneti che hanno già messo nero su bianco i vantaggi del biologico in termini di biodiversità funzionale, si sono imposti un regolamento unico in materia di utilizzo degli agrofarmaci che prevede regole ancora più restrittive di quelle dettate dalla normativa vigente, stanno lavorando su antiche varietà autoctone – come l’Erbamat – per capire come valorizzarle, e hanno promosso un progetto pioneristico – «Ita.Ca» – che è il primo modello italiano di misura dell’impronta carbonica: «In collaborazione con l’Università di Padova, abbiamo messo dei sensori dei vigneti che servono per monitorare il loro respiro», dice Silvano Brescianini. «Questi sensori ci fanno capire quanta CO2 viene assorbita dalla vegetazione e quindi consentono di calcolare la differenza tra le emissioni prodotte nell’intera filiera e quelle assorbite. Con questa sistema abbiamo avuto la prova che la Co2 emessa è meno di quella prodotta, ma dai dati che raccogliamo partiamo anche per promuovere nuove pratiche virtuose».

I risultati? «Per ora raccogliamo informazioni sull’accuratezza delle strategie. D’altronde si parte sempre da una fotografia e i tempi dell’agricoltura sono lunghi: per capire se un terreno è cambiato i monitoraggi si fanno di anno in anno e talvolta ogni cinque anni. Stiamo anche lavorando per dimostrare a livello scientifico la differenza tra un Franciacorta bio e non bio, ma è certo che una pianta in equilibrio, non forzata a produrre, in un ambiente la cui biodiversità è variegata e ricca, regala un vino di maggiore personalità. E un ambiente in salute è un beneficio per tutti, anche per gli astemi».

LEGGI ANCHE

Franciacorta: passione e metodo

LEGGI ANCHE

10 cose da sapere sul vino

LEGGI ANCHE

Le donne del vino: 12 imperdibili vini rossi italiani prodotti da grandi vignaiole

 

 

 

 

 

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews