giovedì, Luglio 29, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaNeonato prematuro sottoposto a un intervento al cuore

Neonato prematuro sottoposto a un intervento al cuore

Neonato prematuro sottoposto a un innovativo intervento al cuore

Un neonato prematuro, che alla nascita pesava poco più di un chilo, è stato sottoposto a un innovativo intervento al cuore.

Una tecnica del genere non era mai stata usata in un paziente “piuma”. I medici hanno sottoposto un neonato prematuro, nato con un peso di soli 1100 grammi, a un delicato intervento chirurgico al cuore per cercare di risolvere un’anomalia cardiaca congenita, utilizzando un catetere miniaturizzato. In Italia non si hanno notizie di altri interventi del genere su pazienti così piccoli. I medici hanno così evitato un intervento a torace aperto.

I medici dell’ospedale Niguarda di Milano, in collaborazione con i colleghi del Policlinico del capoluogo lombardo, hanno eseguito l’intervento sul piccolo paziente appena nato. Un’operazione salvavita che ha visto collaborare due centri milanesi di eccellenza nella correzione delle cardiopatie congenite dei neonati prematuri, attraverso la tecnica transcatetere.

Intervento al cuore senza anestesia ma con l’ipnosi a Savona

Neonato prematuro, intervento al cuore senza precedenti

I cardiologi pediatrici del Niguarda hanno portato a termine con successo l’intervento attraverso una chiusura percutanea del dotto arterioso di Botallo sul cuore del piccolo prematuro. I dottori si sono avvalsi della collaborazione dei neonatologi del Policlinico di Milano.

L’operazione ha avuto luogo nelle sale di emodinamica di Niguarda grazie al lavoro di un team multidisciplinare composto da cardiologi pediatrici, anestesisti, tecnici di radiologia, neonatologi e infermieri. Il dottor Giuseppe Annoni, cardiologo pediatrico del Niguarda, spiega come hanno eseguito il primo intervento del genre in Italia di un bimbo con un peso così leggero:

Una volta in sede dal catetere è stato rilasciato un dispositivo auto-espandibile che è andato a tappare il dotto arterioso aperto. Durante la vita fetale, infatti, esiste un “tubicino”, il dotto di Botallo appunto che, mettendo in comunicazione l’arteria polmonare con l’aorta, ottimizza la circolazione fetale. Dopo la nascita il dotto normalmente si chiude ma se questo non avviene possono insorgere complicazioni cardiache.

In Italia primo intervento di un robot per un impianto di stent al cuore

Foto di Rainer Maiores da Pixabay

Via | Ospedale Niguarda di Milano

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews