giovedì, Luglio 29, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMisteroLa simulazione olografica tridimensionale

La simulazione olografica tridimensionale

L’idea accattivante che potremmo vivere in una simulazione olografica tridimensionale è stata avanzata da vari scienziati. AncientPages.com esplorerà ulteriormente questa idea sbalorditiva ed esaminerà alcune domande intriganti.

Se sospettiamo di essere esseri programmati che vivono all’interno di una simulazione, c’è un modo per scoprire se questo è vero? È possibile cambiare il risultato di questo gioco virtuale?

Mi piace anomalien.com su Facebook

Per rimanere in contatto e ricevere le nostre ultime notizie

Chi avrebbe potuto creare questa matrice e per quale motivo? Cosa sono le simulazioni degli antenati?

Viviamo in una stimolazione del computer?

Il nostro intero mondo e il nostro universo potrebbero essere una matrice di realtà virtuale, programmata dal supercomputer di una civiltà di esseri più avanzati di quanto possiamo immaginare.

Il fisico Alain Aspect ha condotto un notevole esperimento dimostrando che la rete di particelle subatomiche che compone il nostro universo fisico – il cosiddetto “tessuto della realtà stessa” – possiede quella che sembra essere un’innegabile proprietà “olografica”.

Secondo una recente teoria proposta da Robert Lanza, autore di “Biocentrismo” – Come la vita e la coscienza sono le chiavi per comprendere la vera natura dell’Universo, la morte potrebbe anche non essere reale!

Potremmo pensare di essere una specie avanzata, ma possediamo una conoscenza limitata del mondo che ci circonda.

Siamo mossi da segnali neurofisiologici e soggetti a una varietà di influenze biologiche, psicologiche e sociologiche su cui abbiamo un controllo limitato e poca comprensione.

Supponiamo per un minuto di vivere in una matrice e la nostra realtà non sia altro che un’illusione.

Qual è l’argomento della simulazione?

Nick Bostrom, Professore alla Facoltà di Filosofia dell’Università di Oxford e Direttore fondatore del Future of Humanity Institute e del Program on the Impacts of Future Technology all’interno della Oxford Martin School ha presentato il suo cosiddetto argomento di simulazione alcuni anni fa, e la teoria è ancora ampiamente dibattuto tra molti scienziati.

Potremmo essere ologrammi all’interno della stimolazione di un antenato.

Se omettiamo la parte matematica dell’argomento, inizia con “l’assunto che le civiltà future avranno abbastanza potenza di calcolo e capacità di programmazione per essere in grado di creare ciò che io chiamo” simulazioni degli antenati “.

Queste sarebbero simulazioni dettagliate dei predecessori dei simulatori, abbastanza dettagliate da consentire alle menti simulate di essere coscienti e avere gli stessi tipi di esperienze che abbiamo noi.

Pensa alla simulazione di un antenato come a un ambiente di realtà virtuale molto realistico, ma in cui i cervelli che abitano il mondo sono essi stessi parte della simulazione.

L’argomento della simulazione non presuppone quanto tempo ci vorrà per sviluppare questa capacità. Alcuni futurologi pensano che accadrà entro i prossimi 50 anni. Ma anche se ci vogliono 10 milioni di anni, non fa differenza per l’argomento “, scrive Bostrom nel suo articolo” Viviamo in una simulazione al computer? “

Bostrom dice che la conclusione è che almeno una delle seguenti tre proposizioni deve essere vera:

1. Quasi tutte le civiltà al nostro livello di sviluppo si estinguono prima di diventare tecnologicamente mature.

2. La frazione di civiltà tecnologicamente mature che sono interessate a creare simulazioni di antenati è quasi zero.

3. Stai quasi certamente vivendo in una simulazione al computer.

Se supponiamo che il primo e il secondo suggerimento siano falsi, allora possiamo presumere che “una frazione di significazione di queste civiltà gestisca stimoli degli antenati”.

“Se calcoliamo i numeri, scopriamo che ci sarebbero molte più menti simulate rispetto a menti non simulate.

“Se reale è ciò che puoi sentire, annusare, assaggiare e vedere, allora” reale “sono semplicemente segnali elettrici interpretati dal tuo cervello”, Morpheus – Il film Matrix

Partiamo dal presupposto che civiltà tecnologicamente mature avrebbero accesso a enormi quantità di potenza di calcolo.

Matrice

Così enormi, infatti, che dedicando anche una minima parte alle simulazioni degli antenati, sarebbero in grado di implementare miliardi di simulazioni, ognuna contenente quante più persone sono mai esistite. In altre parole, quasi tutte le menti come la tua sarebbero simulate.

Pertanto, in base a un principio di indifferenza molto debole, dovresti presumere di essere probabilmente una di queste menti simulate piuttosto che una di quelle che non sono simulate “, spiega Bostrom.

Bostrom sottolinea anche che il suo argomento di simulazione non prova che stiamo davvero vivendo all’interno di una stimolazione, perché abbiamo poche informazioni per determinare quale delle tre sia vera o falsa.

Non possiamo sperare che la prima ipotesi sia falsa. La proposizione numero 2 richiede la convergenza tra tutte le civiltà avanzate, in modo tale che quasi nessuna di esse è interessata a eseguire simulazioni degli antenati.

“Se questo fosse vero, sarebbe un vincolo interessante per l’evoluzione futura della vita intelligente”, dice Bostrom.

A molti di noi, l’opzione numero due sembra uno scenario improbabile considerando la vastità dell’Universo e il numero di specie extraterrestri avanzate che potremmo incontrare se avessimo i mezzi per viaggiare tra le stelle.

L’assunzione numero tre è senza dubbio la più intrigante. Potremmo davvero vivere in una simulazione al computer creata da una civiltà extraterrestre avanzata.

“Se ogni civiltà avanzata creasse molte Matrici della propria storia, la maggior parte delle persone come noi, che vivono in un’era tecnologicamente più primitiva, vivrebbe all’interno di Matrici piuttosto che all’esterno”, dice Bostrom.

Potremmo essere un esperimento scientifico che è strettamente monitorato da quegli esseri alieni che hanno programmato la stimolazione.

Ancora peggio, non potremmo essere altro che un gioco virtuale per i nostri creatori, nello stesso modo in cui ci divertiamo a giocare ai giochi per computer. È davvero impossibile dirlo. Abbiamo computer abbastanza potenti da simulare già una civiltà di base.

Presto, con un numero sufficiente di aggiornamenti, la maggior parte dei computer domestici sarà in grado di simulare un intero universo. Se hai bisogno di soldi per aggiornare il tuo attuale PC, potresti ottenere un prestito Titlemax.

Se i simulatori non vogliono che lo scopriamo, probabilmente non lo faremo mai. Ma se scelgono di rivelarsi, potrebbero certamente farlo.

Se gli architetti di questa realtà virtuale vogliono che sappiamo che siamo un essere olografico che vive in una matrice, possono semplicemente far apparire una finestra nel nostro campo visivo con il testo “YOU ARE LIVING IN A MATRIX. CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI”.

“Un altro evento che ci consentirebbe di concludere con un alto grado di fiducia che siamo in una simulazione è se raggiungeremo un punto in cui stiamo per attivare le simulazioni dei nostri antenati. Sarebbe una prova molto forte contro le prime due proposizioni, lasciandoci solo con la terza, dice Bostrom.

“Se conoscessimo le motivazioni degli architetti per la progettazione di Matrici, l’ipotesi che viviamo in una potrebbe avere importanti conseguenze pratiche. Ma in realtà non sappiamo quasi nulla di quali potrebbero essere questi motivi. Avremmo eseguito esperimenti, scoperto regolarità, costruito modelli ed estrapolato da eventi passati.

In altre parole, applicheremmo il metodo scientifico e il buon senso nello stesso modo in cui sapessimo di non essere in una matrice. In prima approssimazione, quindi, la risposta a come dovresti vivere se sei in una matrice è che dovresti vivere allo stesso modo come se non fossi in una matrice “, dice Bostrom.

Sembrerebbe che non ci sia modo di sfuggire alla matrice … Anche se pensi di essere davvero riuscito a sfuggire alla matrice, come fai a sapere che non è stata solo una fuga simulata?

Scritto da – A. Sutherland – AncientPages.com Senior Staff Writer

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews