domenica, Aprile 11, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieWalter Biot, accusato di spionaggio: "Non avevo informazioni rilevanti"

Walter Biot, accusato di spionaggio: “Non avevo informazioni rilevanti”

ROMA – “Sono pronto a farmi interrogare”. È durato poco più di due ore l’incontro tra Walter Biot il suo legale. Un colloquio, quello avvenuto nel carcere romano di Regina Coeli, dettato dall’esigenza di concordare una linea difensiva che verrà snocciolata davanti al tribunale del Riesame. Il penalista Roberto De Vita, che assiste l’ufficiale della Marina arrestato perché accusato di aver venduto alcune informazioni classificate ai russi, ha infatti depositato l’istanza al tribunale della Libertà.

Spionaggio russo, Biot non risponde al gip: aveva 181 foto di documenti segreti

di

Andrea Ossino

01 Aprile 2021

Una richiesta basata soprattutto sulle  parole che l’indagato gli ha riferito durante i diversi colloqui: “Le informazioni di cui potevo disporre secondo le abilitazioni del mio incarico erano informazioni non di interesse militare operativo e militare strategico – ha detto Biot – E quindi le contestazioni che mi vengono mosse possono riguardare fatti di bassissima rilevanza. Non potevano per definizione compromettere l’interesse nazionale”.

Lo sfogo del figlio di Biot: “Mio padre ha fatto la guerra del Golfo e l’Iraq, se coinvolto è stato per la famiglia”

di

Romina Marceca

01 Aprile 2021

Non la pensano così i magistrati della procura di Roma che ritengono che le foto dei documenti consegnate ai russi contenessero materiale riservato e segreto. Gli atti, rivelano le telecamere piazzate dallo Stato Maggiore della Difesa nell’ufficio dell’indagato, sono stati acquisiti almeno in tre diverse occasioni: il 18, il 23 e il 25 marzo. Sempre con un cellulare capace di immagazzinare il materiale in una nano sim poi consegnata ai russi in un parcheggio della periferia romana, a Spinaceto.

“Chiederemo di essere ascoltati dalla Procura di Roma nei prossimi giorni. Il nostro obiettivo è dimostrare che il ruolo ricoperto da Walter Biot  non dava accesso a documenti di livello strategico, atti che in alcun modo riguardavano la sicurezza dello Stato”, spiega l’avvocato De Vita.

Nel frattempo le indagini vanno avanti. La perquisizione dell’armadietto chiuso a chiave nell’ufficio di Biot non ha dato i frutti sperati. All’interno non c’era niente di compromettente: solo una bottiglia di spumante, qualche indumento, e alcune carte non rilevanti.

Argomenti

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews