giovedì, Luglio 29, 2021
Disponibile su Google Play
HomeGossipVaccini finiti, le Regioni chiedono più fiale. Figliuolo: stanno arrivando

Vaccini finiti, le Regioni chiedono più fiale. Figliuolo: stanno arrivando

Vaccini finiti? Così sembrerebbe. Infatti, da una parte l’Organizzazione mondiale della Sanità stigmatizza la lentezza della campagna vaccinale in Europa. Dall’altra alcune Regioni italiane, come Veneto, Lazio, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Puglia e Veneto lanciano l’allarme. Le dosi sarebbero finite e la campagna vaccinale rischia lo stop. Non si capisce davvero più niente.

Il commissario straordinario all’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo rassicura che «a brevissimo avremo un’alta disponibilità di vaccini e daremo fiato alle trombe». Ma finora i segnali sono contraddittori.

LEGGI ANCHE

Via libera per AstraZeneca: ha vinto la scienza

 

Il 31 marzo è stata una giornata record per la quantità di vaccini fatti con un picco di oltre 282 mila dosi somministrate, molto vicino all’obiettivo di 300 mila fissato nel piano nazionale proprio per fine mese.

Il problema, alle solite, è il ritardo nella consegna delle dosi soprattutto di AstraZeneca, ribattezzato Vaxzevria,. Proprio la mancanza di quest’ultimo vaccino, sta mettendo in difficoltà molte Regioni. Sono attese 1 milione 300 mila dosi, spiega Figliuolo, a cui si aggiungo 1 milione di dosi Pfizer già consegnate a cui oggi si aggiungono altre 500 mila di vaccini anti-Covid Moderna.

LEGGI ANCHE

Via libera dell’EMA al vaccino AstraZeneca: «È sicuro ed efficace». In Italia riparte la vaccinazione

Intanto la Lombardia con i suoi 10 milioni di abitanti, da oggi, 2 aprile, sarà collegata con Poste Italiane per le prenotazioni, sperando di rimediare ai disservizi durati settimane.

L’obiettivo della svolta resta sempre lo stesso: vaccinare 500 mila persone al giorno entro fine aprile (nel piano si indicava la settimana 14-22), con priorità ai più anziani e fragili.

LEGGI ANCHE

Chi rinuncia al vaccino finisce in coda. E le dosi avanzate vanno ai caregiver

L’incertezza resta, però. Come per esempio quella sul farmaco monodose Johnson&Johnson: le dosi che arriveranno in aggiunta, saranno 7,31 milioni nel trimestre. Il problema è che non si non si sa quando.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews