sabato, Luglio 24, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareProsecco: il giornalista che non lo beve perché "ci tiene alla salute"

Prosecco: il giornalista che non lo beve perché “ci tiene alla salute”

“Ci tengo alla mia salute” e quindi “non bevo Prosecco, il mio palato lo rifiuta”: non usa mezzi termini il giornalista e blogger Franco Ziliani, nel post sul suo blog “le mille bolle” che ha fatto infuriare i produttori di Prosecco.

Pomo della discordia, un volantino del supermercato che pubblicizzava una bottiglia di prosecco Valdobbiadene DOCG, venduta a 3 euro e 99 con uno sconto del 60%. E allora, si chiede Ziliani, com’è che quest’industria spettacolare del Prosecco, che da sola sembra trainare l’export dei vini italiani, ha bisogno di svendersi così?

Una riflessione chiaramente provocatoria, accompagnata dalla didascalia “Ancora un po’ e questi del Prosecco ti pagano loro perché compri le loro banalissime bollicine”, a cui su Instagram risponde il produttore della bottiglia della discordia.

Il quale fa notare che per esprimere un parere sul loro vino, il giornalista forse avrebbe dovuto prima assaggiarlo. Ed è lì che la discussione si fa accesa, con lui che sostiene che ci tiene troppo alla salute per bere Prosecco eccetera. “La Glera é un’uvetta di serie b e miracoli non si possono fare. E lo spettacolo dei prezzi sempre più bassi anche per i Docg é davanti agli occhi di tutti. Io non critico la vostra azienda, il Prosecco in genere”, aggiunge Ziliani, chiamando in causa il Prosecco tutto e tutti i “proseccari”, termine – che gli fa notare il produttore – lui usa come un insulto, ma che dall’altra parte rappresenta una tradizione di famiglia e un mondo contadino.

Insomma: i toni si accendono ma la sostanza non cambia. Il Prosecco è svenduto (e non solo lui, secondo Ziliani, che a un certo punto chiama in causa, un po’ off topic, anche il TrentoDoc), e non è una novità, e di certo in generale non è l’eccellenza delle bolle in circolazione, mettiamola così.

Oppure, per dirla con le parole di Ziliani che stanno facendo infuriare il Consorzio, “è il vino mediocre, banale, popolare, perfetto per tempi mediocri e gente mediocre che non ha cultura del vino e gusto”. Ma di certo, piaccia o no, è protagonista di un grande successo all’estero. E forse da qui bisognerebbe partire per porsi le giuste domande, e capire in che direzione vuole andare il mercato del vino italiano e con quali mezzi a disposizione.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews