giovedì, Luglio 29, 2021
Disponibile su Google Play
HomeCulturaCos’è la sindrome di Rebecca e perché potrebbe distruggere la coppia

Cos’è la sindrome di Rebecca e perché potrebbe distruggere la coppia

Cos’è la sindrome di Rebecca e perché potrebbe rovinare il tuo rapporto di coppia

Siete anche voi vittime della Sindrome di Rebecca? Ecco in cosa consiste e perché sta rovinando il vostro rapporto di coppia

Avete mai sentito parlare di gelosia retroattiva nei confronti del partner, nota anche come “Sindrome di Rebecca”? Probabilmente no, ma con altrettante buone probabilità, avrete notato questo problema in alcune persone di vostra conoscenza (magari un vostro ex partner) o in voi stessi. La sindrome di Rebecca prende il nome dal film di Alfred Hitchcock “Rebecca – La prima moglie”, e come avrete intuito, si tratta di un problema che potrebbe mettere in serio pericolo la stabilità di un rapporto di coppia.

In questo articolo vedremo come riconoscere la gelosia retroattiva, quali sono i sintomi da non sottovalutare, le conseguenze e come superare il problema per preservare la nostra serenità mentale e il benessere della coppia.

Gelosia retroattiva o sindrome di Rebecca: come riconoscerla

La sindrome di Rebecca è caratterizzata da una profonda gelosia nei confronti del passato del partner. Nello specifico, questa sensazione si concentra sulle relazioni precedenti (sentimentali e sessuali) del compagno o della compagna, manifestandosi attraverso pensieri ossessivi e intrusivi che – a lungo andare – turberanno la serenità di chi ne soffre.

La persona tenderà a porre numerose domande al partner in merito alle sue relazioni precedenti. Così facendo alimenterà la gelosia e l’ossessione nei confronti del suo passato, innescando un circolo vizioso dal quale è difficile riuscire ad emergere senza l’aiuto di una persona competente.

Dalla gelosia (inizialmente innocua, almeno in apparenza) si può passare facilmente alle provocazioni, agli attacchi e ai continui litigi. Spesso chi soffre di gelosia retroattiva prova tristezza, ansia e depressione, e a causa del suo disturbo finisce per rovinare il rapporto con il partner.

Comprensibilmente, quest’ultimo sarà sempre più stanco e demoralizzato a causa dei comportamenti del compagno o della compagna, e potrebbe quindi decidere di interrompere la relazione.

Le cause della gelosia retroattiva

gelosia retroattiva

Mancanza di autostima, insicurezza, atteggiamento possessivo e retaggi culturali datati e anacronistici: le possibili cause della Sindrome di Rebecca sono molteplici, e tutte dovrebbero essere analizzate, in modo da riuscire a superare questo problema in modo sano.

Spesso alla base di questa condizione vi sono pensieri distorti in merito al partner, all’amore e alla sessualità. La sindrome di Rebecca si manifesta generalmente in modo differente nell’uomo e nella donna. Nel primo caso, la gelosia si concentra principalmente sulla sfera sessuale, mentre le donne mostrano ostilità nei confronti delle relazioni sentimentali precedenti.

In entrambi i casi, la gelosia può sfociare in situazioni difficili e talvolta persino drammatiche. Per questa ragione è importante non ignorare il problema, ma accettarlo e fare in modo di curarlo.

Sindrome di Rebecca: come affrontarla?

Come dicevamo, per superare un problema è innanzitutto importante ammettere la sua esistenza. Nascondersi e nascondere la nostra gelosia eccessiva non ha senso. Per guarire, è necessario comprendere e ammettere di avere delle reazioni spropositate e dei pensieri non sani.

Ma dalla gelosia retroattiva si può guarire? Con la giusta terapia, le possibilità di migliorare sono davvero concrete. Uno specialista vi permetterà infatti di comprendere le cause del vostro problema, di capire quali sono gli atteggiamenti sbagliati che assumete, e di identificare la strada più giusta per raggiungere la stabilità interiore e nella coppia.

Spesso, quando si parla di Sindrome di Rebecca, sono proprio i partner a chiedere un aiuto allo psicologo. Questo perché sono troppo stanchi e stremati dalle continue gelosie e recriminazioni di cui sono vittime. Se vi rispecchiate nei “sintomi” che vi abbiamo segnalato, chiedete aiuto a uno specialista. Il vostro impegno e una buona dose di consapevolezza vi aiuteranno a cambiare finalmente il vostro modo di vedere l’amore e le relazioni, e a vivere un rapporto di coppia sano e felice.

Foto di Gerd Altmann da Pixabay
Foto di Tumisu da Pixabay

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews