sabato, Luglio 24, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMusicaConcerto a Barcellona, 5000 persone, test Covid-19

Concerto a Barcellona, 5000 persone, test Covid-19

A Barcellona, lo scorso 27 marzo, 5000 persone hanno assistito a un concerto come parte di un esperimento COVID-19. Mentre da noi invece di allentare, aumentano e vengono confermate le restrizioni (con il mese di aprile già preventivamente congelato da miglioramenti), in Spagna hanno voluto testare -con tutte le regole e precauzioni del caso- un ritorno alla normalità. Qualcosa che, da noi, ad oggi, purtroppo, sembra quasi ‘fantascienza’.

Il concerto, che ha visto la rock band spagnola Love of Lesbian suonare all’arena del Palau Sant Jordi, si dice che sia il più grande concerto in Europa dall’inizio della pandemia. Tutti coloro che hanno partecipato all’evento, che è andato avanti con il permesso delle autorità sanitarie in Spagna, sono stati testati prima del concerto in tre località sparse a Barcellona, ​​con tre delle prime 2.400 persone testate che sono tornate con risultati positivi e non hanno assistito allo spettacolo della sera.

I risultati del test dell’antigene sono stati riportati ai partecipanti entro 10-15 minuti tramite un’app sui loro telefoni e il prezzo del biglietto di circa $ 23 (£ 20) è stato fornito con un test rapido e una mascherina inclusi.

L’idea alla base di questo esperimento è semplice quanto necessario ovunque: esamina la possibilità di organizzare eventi di musica dal vivo senza distanziamento sociale se vengono impiegati test rapidi.

A dicembre, il festival Primavera Sound di Barcellona ha salutato un evento di prova di successo che ha visto 1.000 persone partecipare a un evento in una sede di 1.600 posti. Quando i risultati sono stati analizzati, a gennaio, non hanno riscontrato alcun tasso di infezione.

Inoltre, altri test condotti in Germania sulla trasmissione del coronavirus durante i concerti al chiuso, hanno scoperto che l’ambiente rappresenta un rischio “da basso a molto basso” per i partecipanti di contrarre la malattia. Un altro ha scoperto che il rischio di infettare qualcuno in un locale attraverso la trasmissione di aerosol “può essere quasi escluso”, a condizione che il locale abbia una sufficiente quantità di aria fresca e che tutti i partecipanti indossino maschere per il viso.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews