giovedì, Luglio 29, 2021
Disponibile su Google Play
HomeNotizieBruxelles arriva per ultima nel club dei nazionialisti del vaccino. Ma lo...

Bruxelles arriva per ultima nel club dei nazionialisti del vaccino. Ma lo strappo rischia di far saltare gli ingranaggi

Alle scuole di business, se ne parlerà a lungo. La pandemia doveva essere l’occasione per lo sbarco alla grande di AstraZeneca in un settore da cui era sempre rimasta esclusa, quello dei vaccini, con il ritrovato antiCovid più economico, più facile da usare, destinato a diventare il vaccino base del futuro. Invece, per il gigante anglosvedese e ancor più per i suoi clienti si sta trasformando in un incubo. In Borsa il titolo ha già perso il 20 per cento e, probabilmente, la discesa non è finita. Soprattutto, i clienti sono piombati in una alternativa brutale. O i (pochi) vaccini disponibili vengono utilizzati per la seconda dose ai milioni di inglesi che hanno già ricevuto in massa la prima. O vengono dati ai milioni di europei che stanno ancora aspettando la prima dose e sono nel buio della terza ondata.

Ci fosse tempo, la disputa tra Londra, Bruxelles e AstraZeneca si risolverebbe in tribunale. Perché Londra sta tentando di trasformarla in una sorta di cartina di tornasole delle credenziali del libero mercato e del sistema capitalistico. Per cui bloccare, in nome delle esigenze nazionali, le esportazioni di vaccini, come vuol fare Bruxelles, è un attentato protezionistico alla convivenza internazionale. Arrivare allo stesso risultato, imponendo, invece, alle case produttrici contratti-capestro, per cui non possono esportare, fino a quando non sono state soddisfatte le esigenze interne, è efficiente e legittimo. Questo, infatti, dicono i contratti firmati da Londra non solo con AstraZeneca, ma con gli altri protagonisti dell’industria del vaccino. In un contratto firmato poco più di un mese fa con la Wockhardt, un’azienda specializzata nell’infialamento, si precisa che la ditta “garantirà forniture sufficienti a proteggere gli inglesi a lungo termine”.

Il risultato del libero mercato nella versione inglese, come non si stancano di sottolineare i responsabili della Ue, è che, da dicembre, l’Europa ha messo a disposizione dei suoi cittadini solo 88 milioni di dosi di vaccino, ma ne ha esportate 77 milioni, di cui 21 milioni verso la Gran Bretagna che, in cambio, non ne ha esportata in Europa neanche una. La realtà geopolitica è, infatti, che la Ue, anche con le restrizioni appena messe in campo, è rimasto l’unico, fra i grandi produttori, ad esportare vaccini. Non ne esportano gli Stati Uniti, che non hanno mai fatto mistero del principio “America first”. Non lo fa la Cina. Ha appena bruscamente deciso di non farlo, sempre in nome delle esigenze nazionali, l’India. E, appunto, non lo ha fatto e continua a non farlo la Gran Bretagna: l’Europa arriva al “nazionalismo dei vaccini” non per prima, ma per ultima.

Proprio il nazionalismo dei vaccini è la buccia di banana su cui è scivolato Pascal Soriot, il boss di AstraZeneca, con la faciloneria delle sue promesse, basate, probabilmente, in buona misura, sulla convinzione di poter contare sulla produzione in India e in Cina. Il problema del nazionalismo dei vaccini, tuttavia, è che il sistema regge finché qualcuno – in questo caso l’Europa – si sottrae alla strategia e continua ad esportare. Perché l’industria dei vaccini, a livello mondiale, è sia estremamente concentrata, sia estremamente interconnessa.

In tutto, il Club del Vaccino è composto da 13 paesi, dove si concentra il 91 per cento delle sussidiarie dei giganti farmaceutici del settore: oltre ai cinque attori già nominati, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Giappone, Corea, Russia e Svizzera. I tre quarti delle esportazioni di ingredienti per i vaccini fanno capo, comunque, a soli cinque paesi. Contemporaneamente, i paesi del Club del Vaccino sono, insieme, la fonte e la destinazione finale più importante del vaccini. Se si guarda agli scambi commerciali in genere, in media ognuno dei 13 paesi acquisisce il 68 per cento delle proprie importazioni da qualcuno degli altri 12 del Club. Ma, nel caso delle partite di vaccini e dei loro ingredienti, questa quota interna al Club supera l’88 per cento. Vuol dire che se si interrompe la catena, diventa difficile per tutti produrre vaccini. Ma la buona volontà, fanno notare a Bruxelles, non può essere a senso unico.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews