lunedì, Luglio 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMangiareUmbria: “riapriremo a pranzo e cena dopo il 6 Aprile”, l’annuncio di...

Umbria: “riapriremo a pranzo e cena dopo il 6 Aprile”, l’annuncio di MIO Italia

Arriva un annuncio dall’Umbria: diverse imprese e attività di ristorazione hanno deciso che riapriranno a pranzo e cena dopo il 6 Aprile. È quanto dichiarato da MIO Italia, ma perché tentare (l’ennesima) riapertura contro le norme?

“Ormai non abbiamo più nulla da perdere“: ecco perché riaprire. “Non è una provocazione, né un atto dimostrativo, ma una questione di sopravvivenza“, così Paolo Bianchini, presidente di MIO Italia, Movimento Imprese Ospitalità, ha annunciato che in Umbria moltissime imprese e attività aderenti all’associazione riapriranno dal 6 Aprile, pur andando contro alle normative anti-Covid.

MIO Italia ha già manifestato più volte in piazza per chiedere al Governo di riaprire i locali: “da un anno i piccoli imprenditori dell’ospitalità a tavola sono costretti a chiudere-aprire-chiudere, in contrasto con le evidenze scientifiche, senza prospettive, programmazione, piani di rilancio, indennizzi ragionevoli, interventi sui costi fissi. Nulla. Non sono più padroni del presente e del futuro e di quello delle loro famiglie. Nel frattempo, prosegue lo stillicidio di fallimenti e continuano ad arrivare gli sfratti esecutivi e le convocazioni in tribunale.”

“Il Paese, come conseguenza delle decisioni scellerate della politica, sta perdendo, una dopo l’altra, aziende importanti che complessivamente creavano il 30% del Pil”, ha continuato Bianchini. “Non solo. Lo Stato assiste inerme e irresponsabilmente al collasso dei prodotti Made in Italy e del settore della distribuzione, esposto finanziariamente con gli istituti bancari proprio a causa dei blocchi al comparto Horeca e dei conseguenti crediti deteriorati”.

Per questo, secondo Paolo Bianchini e MIO Italia, il settore “non ha più nulla da perdere” a questo punto “di fronte al funerale certo di bar, ristoranti, pizzerie, pub il direttivo di Mio Italia ha deliberato quella che viene considerata l’unica opzione possibile, una scelta obbligata: andare contro le norme e aprire, seguendo tutte le misure anti-covid, ma aprire. A pranzo e a cena. Sempre“.

[ Fonte: PerugiaToday]

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews