lunedì, Luglio 26, 2021
Disponibile su Google Play
HomeMusicaDal Duomo di Orvieto la Messa dell'Incoronazione di Mozart

Dal Duomo di Orvieto la Messa dell’Incoronazione di Mozart

Una settimana, questa, dove la riflessione sul sacro è più frequente. Anche i teatri vi partecipano; e così abbiamo l’occasione di ascolti ravvicinati di capolavori della musica sacra, interpretati dalle nostre grandi formazioni italiane. L’Orchestra e Coro del Maggio Fiorentino, con un direttore come Zubin Mehta, presentano da un capolavoro del romanico-gotico come la cattedrale di Orvieto la Messa dell’Incoronazione di Mozart. Dalla veneziana Fenice si risponde con il Requiem di Mozart, mentre la Scala ci fa scoprire quello, novecentesco e meno consueto, di Maurice Duruflé.

Orvieto

Dal Duomo il 2 alle 00.40 su Rai 1 e il 3 alle 19.35 su Rai5 la Messa dell’Incoronazione di Mozart con cantanti e Orchestra e Coro del Maggio Fiorentino, direttore Zubin Mehta; solisti Eva Mei, Francesca Cucuzza, Valentino Buzza e Emanuele Cordaro. Maestro del Coro Lorenzo Fratini. In programma, sempre di Mozart, anche l’Ave Verum Corpus e la Sinfonia in sol minore K. 550, la penultima che scrisse. Concerto registrato il 22 marzo.

Loading…

Milano

Il 2 alle 20 live streaming del Coro della Scala diretto da Bruno Casoni con un bel programma sacro fra Pärt (Salve Regina), Elgar (Ave Verum Corpus), Duruflé (Requiem). In quest’ultimo lavoro Duruflé (1902-1986) riprende numerosi temi dalla messa gregoriana per i morti. Quasi tutto il materiale tematico proviene dal canto gregoriano.Il 4 alle 20 live streaming dell’Orchestra, direttore Zubin Mehta, fra Schubert (Sinfonia n. 3) e Bruckner (Sinfonia n. 9). Disponibili per 7 giorni.

Venezia

Il 2 alle 17.30 dal Teatro La Fenice live streaming del Requiem di Mozart con Orchestra e Coro della Fenice, direttore Claus Peter Flor. Nel luglio 1791, pochi mesi prima della morte, Mozart ricevette la commissione per la stesura di un Requiem da parte di un anonimo che, corrispondendogli un lauto anticipo, metteva quale unica condizione quella di non ricercare l’identità del committente; si trattava di un nobile prematuramente vedovo, il conte Walsegg, che intendeva eseguire l’opera nella ricorrenza della scomparsa della consorte, attribuendosene disinvoltamente la paternità. Disponibile sul sito per un anno.

Covid Abruzzo Basilicata Calabria Campania Emilia Romagna Friuli Venezia Giulia Lazio Liguria Lombardia Marche Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trentino Alto Adige Umbria Valle d’Aosta Veneto Italia Agrigento Alessandria Ancona Aosta Arezzo Ascoli Piceno Asti Avellino Bari Barletta-Andria-Trani Belluno Benevento Bergamo Biella Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Carbonia-Iglesias Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Crotone Cuneo Enna Fermo Ferrara Firenze Foggia Forlì-Cesena Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia La Spezia L’Aquila Latina Lecce Lecco Livorno Lodi Lucca Macerata Mantova Massa-Carrara Matera Messina Milano Modena Monza e della Brianza Napoli Novara Nuoro Olbia-Tempio Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro e Urbino Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Prato Ragusa Ravenna Reggio Calabria Reggio Emilia Rieti Rimini Roma Rovigo Salerno Medio Campidano Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Ogliastra Trapani Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Verbano-Cusio-Ossola Vercelli Verona Vibo Valentia Vicenza Viterbo

YouGoNews